La finale di Champions League 2016 a Milano è a rischio

I lavori di ristrutturazione imposti dall'Uefa sono in grosso ritardo. E si potrebbe decidere di puntare su un altro stadio.

Da tempo è dato per ufficiale che la finale di Champions League del 2016 si giocherà allo stadio Meazza di San Siro. Una conquista importante per il calcio italiano in pesante crisi e ormai dimentico degli anni in cui era al top in Europa. Insomma, un'assegnazione, quella di Milano, che per qualche tempo potrebbe farci scordare quanto in basso siamo caduti (ancora meglio se qualche squadra dovesse miracolosamente riuscire a giocarla, quella finale). Ma siamo proprio certi che le cose andranno così?

In realtà c'è ancora il rischio che l'assegnazione a Milano salti, perché l'ufficialità dell'evento è comunque condizionata a quei lavori di ristrutturazione imposti dall'Uefa. Si tratta di lavori da 60 milioni di euro (dal 2012 al 2016) che devono essere realizzati da M-I Stadio, la società creata da Milan e Inter per la gestione dell'impianto e che saranno detratti dall'affitto. Lavori che però sono una precondizione per poter ospitare il grande evento.

E, guarda un po' il caso, questi lavori sono in grosso ritardo. Ragion per cui la Uefa ha richiamato il Comune e attende adesso precise garanzie sulla fine dei lavori di ristrutturazione concordati per poter dare il definitivo via libera all'assegnazione della finale. A essere messo sotto la lente d'ingrandimento è soprattutto quell'appalto da 12 milioni di euro per la risagomatura del primo anello (meno posti e seggiolini più grandi) che ancora non sono partiti. Anzi, ancora non è stato assegnato l'appalto, e i lavori avrebbero già dovuto essere cominciati.

La finale quindi è a rischio, il Comune deve riuscire a presentare un piano definitivo e finale che permetta all'Uefa di far partire il business che ruota attorno a questo evento con i larghi tempi che sono necessari. E non può certo stare ad aspettare che si risolvano i soliti inghippi all'italiana. Meglio darsi una mossa, quindi. E meglio che Inter e Milan (alle prese entrambi con i progetti dei nuovi stadi di proprietà) si concentrino prima sulla riverniciatura del vecchio Meazza.

FBL-ITA-SERIE A-AC MILAN-PARMA

  • shares
  • Mail