Violenza sulle donne: una linea telefonica 24h/24 per chiedere aiuto

La proposta dell'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino

In occasione della firma in Regione dell'accordo sul contrasto alla violenza sulle donne e sull'assegnazione di risorse da destinare alle attività dei centri che si occupano delle donne maltrattate, l'assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino ha fatto una proposta: l'istituzione di una linea telefonica attiva 24 ore su 24.

A Milano sono stati assegnati 100mila euro che saranno impiegati dalla Rete dei centri antiviolenza costituita nel giugno del 2012 - negli ultimi tre anni il Comune di Milano tramite questi centri ha contribuito a sostenere 3.778 donne, di cui il 63% italiane - e nell'incontro si è parlato anche del potenziamento del lavoro con gli altri enti ed istituzioni del territorio.

Insomma bisogna combattere questa piaga sociale, che coinvolge tutte le classi sociali, con ogni mezzo. Ha precisato infatti Majorino:


"Utilizzeremo queste nuove risorse per continuare le azioni che abbiamo già intrapreso a sostegno delle donne maltrattate, dall'accoglienza in abitazioni protette, all'assistenza psicologica e legale, alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione da diffondere anche nelle scuole. Uno dei servizi che intendiamo attivare, in coordinamento con quelli già esistenti, è una linea telefonica attiva 24 ore su 24 per accogliere le richieste di aiuto e avviare percorsi di difesa e di accompagnamento delle donne e dei loro figli"

Violenza sulle donne - come chiedere aiuto

La Rete dei Centri Antiviolenza ad oggi comprende:

Associazione SVS Donna Aiuta Donna Onlus; Associazione Telefono Donna Onlus; Cooperativa Sociale Cerchi d’Acqua Onlus; Fondazione Caritas Ambrosiana; Centro Ambrosiano di Solidarietà Onlus; Soccorso Violenza Sessuale e Domestica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Policlinico Ospedale Maggiore, Soccorso Rosa Ospedale San Carlo e Fondazione Padri Somaschi

Vi ricordiamo che al momento è attivo un numero nazionale, istituito per aiutare le donne vittime di maltrattamenti: è il 1522.

E' possibile anche contattare il Se.D. – Servizio Disagio Donne della Caritas Ambrosiana (02 76037352), il S.V.SeD. – Servizio Violenza Sessuale e Domestica presso la Clinica Mangiagalli (per interventi di emergenza e supporto medico – reperibilità 24 ore su 24, 02 55032489) e, anche solo per 'parlare con qualcuno', Telefono Donna (02 6610 7031).

Per un ulteriore aiuto o consulto, è possibile rivolgersi alla Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate (Via Piacenza 14, 02 55015519). Da segnalare anche il Soccorso Violenza Sessuale e Domestica - Ospedale Policlinico (02 55038585) e Avvocati per Niente (02 76316718).

Sul territorio nazionale sono attive numerose realtà, come l'associazione Doppia Difesa (06 68806468 - 06 68309491). Per trovare il centro antiviolenza più vicino, collegatevi sul sito di D.i.Re - Donne in rete contro la violenza.

271401_100802000017165_4720610_o

Foto | Installazione di Elina Chauvet 'Zapatos Rojos', contro la violenza sulle donne, dalla pagina Facebook dell'artista.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail