Cannes e dintorni 2014: la rassegna salvata da un anonimo benefattore

L'annuncio via Facebook da Agis Lombarda

AGGIORNAMENTO!

Un anonimo benefattore ha salvato la rassegna "Cannes e dintorni": lo ha comunicato Agis Lombarda su Facebook.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

"Cari amici, grazie per l'affetto e per la stima. Abbiamo ricevuto molte email da parte di spettatori delusi e affranti. Alcuni hanno scritto direttamente al Corriere della Sera che ha raccolto e reso pubbliche le testimonianze in un bell'articolo apparso martedì 22 aprile. Solo qualche ora fa, quasi come un miracolo, ci ha contattato un nostro amico, imprenditore del settore dello spettacolo, che ha deciso, con una donazione, di coprire le spese occorrenti per l'organizzazione di ?#?Cannes? e Dintorni, non coperte dall’incasso derivante dalla vendita dei biglietti. Il signore vuole rimanere anonimo e noi siamo commossi, e sorpresi, da un gesto di responsabilità verso una manifestazione così amata dal pubblico. Un gesto che ci saremmo attesi dalle istituzioni pubbliche ma che invece è arrivato da un semplice cittadino. Nei prossini giorni cercheremo di recuperare il terreno e di rimetterci in moto affinché nel prossimo giugno Milano possa ancora presentare una selezione di film dalla Quinzaine des Réalisateurs e dalla Selezione Ufficiale del Festival di Cannes. I tempi sono ristretti ma ce la metteremo tutta per non deludere i tanti affezionati cinefili e il nostro cittadino benefattore, autore di un gesto che definiremmo 'politico'"

Scrivevamo il 22 aprile 2014...

Quest'anno l'edizione 2014 della rassegna "Cannes e dintorni", dedicata all'omonimo festival di scena dal 14 al 25 maggio 2014, non avrà luogo.

La pessima notizia arriva da Agis Lombarda, organizzatore storico dell'evento, e i motivi, come facilmente immaginabile, sono di tipo economico.

Inoltre il fatto che la Provincia di Milano, che ha sempre sostenuto la rassegna, sarà smantellata (nell'ottica della riorganizzazione degli enti in favore delle Città Metropolitane decisa dal Governo), è stato il colpo di grazia:

"Abitualmente, con l'arrivo della primavera, Agis lombarda comunica le date della manifestazione cinematografica Cannes e dintorni. Purtroppo quest'anno la tradizionale rassegna, che nel mese di giugno presentava a Milano i film dal Festival del Cinema di Cannes e dalla Quinzaine des Réalisateurs, dopo 18 edizioni e un costante successo di pubblico, non avrà luogo. La Provincia di Milano che aveva sostenuto la rassegna sin dalla sua nascita nel 1996, ma che negli ultimi anni aveva costantemente ridotto il contributo rendendo sempre più indispensabile l'apporto di partner privati, come noto è un ente in 'dismissione', travolta dalla recente riforma delle Province. I partner privati (particolarmente importante negli ultimi quattro anni è stato il Corriere della Sera), stante la contrazione degli investimenti, non riescono più a coprire le spese per l'organizzazione dell'iniziativa che prevedono, tra le altre, i costi per la sottotitolazione dei film e il riconoscimento dei diritti ai produttori e distributori. Abbiamo fatto il possibile per continuare ad offrire un'iniziativa da tutti ritenuta di qualità e particolarmente significativa proprio perché arricchiva la programmazione di cinema di qualità in un periodo tradizionalmente scarno di offerta cinematografica"

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Resta viva la volontà di proporre a settembre la tradizionale panoramica dei film dalla Mostra di Venezia e dal Festival di Locarno, arricchita da film provenienti da altri festival.

Ma per Cannes niente da fare.

Alcuni cinefili però non ci stanno, e si sono già fatti sentire attraverso il Corriere della Sera: organizzare l'evento infatti costa 90mila euro (una cifra tutto sommato non esagerata), la metà dei quali è sempre stata recuperata attraverso la vendita dei biglietti per le proiezioni.

Non si può proprio fare nulla per salvare la rassegna?

Aternative View - 67th Cannes Film Festival Official Selection Presentation

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail