Ovopedia: il progetto Pezzi - Dell'Utri torna nel 2010?

andrea pezzi ovopediaNel marzo scorso scrivemmo del fallimento di Ovopedia, l’enciclopedia multimediale di Andrea Pezzi - cofinanziata da Marcello Dell’Utri - i cui uffici si trovavano in via Maroncelli. Nei commenti si era scatenato un dibattito interessante: oggi Pezzi torna a parlare di Ovo, e spiega che nel 2010 potrebbe riprendere in mano il progetto. Qualche fattura - pagata - in arrivo per i fornitori e chi ha collaborato al progetto senza vedere pagati i propri sforzi?


Nei prossimi mesi che progetti ha?

“Mi dedicherò al rilancio di OVO, la media company ideata con lo scopo di realizzare un’enciclopedia video”

Ma la società non era stata messa in liquidazione nel febbraio 2009, dopo aver bruciato 4,9 milioni di euro senza aver terminato il progetto? Non ha abbandonato l’idea?

“Per nulla. Il problema è stato che uno dei soci era Fininvest e io mi sono trovato a farmi carico anche dei suoi nemici. Ma non voglio fare ulteriori polemiche. Di fatto stiamo ancora lavorandoci, nonostante in questo momento i libri contabili siano in tribunale. È un progetto che voglio portare comunque a termine e spero di riprenderlo in mano già nel 2010”


Nei commenti del vecchio post di Gianluca però, molti lettori avevano raccontato le loro esperienze con Ovo, e, sarà un caso, ma generalmente non erano proprio impressioni lusinghiere. Anzi, per dirne una, un commento era


Mia moglie è in contatto con i liquidatori nella speranza di recuperare almeno qualcosa..


Gli altri? Dopo il salto.




Io ho lavorato per Ovo per quasi un anno e mezzo. E anch’io, come la moglie di Matt_77, esco da questa vicenda disoccupato e con un credito di tre mesi di stipendio

e ancora:


Mi hanno dato un testo d’esempio (discutibile), chiedendomi di ispirarmi a quello. Dopo aver inviato la mia prova non ho più saputo nulla, nonostante i solleciti. E, così come me, altre persone che conosco. Ora come ora ringrazio la sorte per avermi risparmiato… mi spiace solo per le persone che hanno perso il lavoro


e anche:


Le è stato corrisposto solo il primo mese di lavoro. Successivamente le davano sempre le scuse più improbabili (tutte documentate da emails) per non pagare. Ha contattato i liquidatori che ovviamente non hanno ancora risposto, ma con 5 milioni di debiti sono sicuro che non vedremo un soldo


non solo!


Credo siano stati i 3 mesi piu’ angoscianti della mia vita, continuamente sotto pressione per strettissime tabelle di consegna, richieste troppo esigenti (dati i costi di produzione), attese snervanti di loro insensati feedback, ritardi e piccoli inceppi che facevano scalare la data di ogni pagamento. (ad oggi ancora NESSUN pagamento mi e’ stato fatto da OVO)


E per finire, a chi nei commenti suggeriva di rivolgersi a un legale…


Ci sono andata dall’avvocato, a novembre, subito dopo un colloquio avuto direttamento con Andrea Pezzi, che mi ha rovinato la vita per i successivi 5 mesi…..ed ancora oggi sto aspettando i soldi che mi deve…

  • shares
  • Mail