Riapre piazza Sant'Ambrogio

Dopo otto anni di cantieri, una delle zone storiche della città torna alla vita.

Era talmente tanto che piazza Sant'Ambrogio era tutto un cantiere, che si iniziava anche a dimenticare come fosse fatto uno degli angoli più suggestivi di Milano. Otto anni, per la precisione, sono passati da quando il piano della giunta Albertini per i parcheggi interrati diede il via a una trafila che oggi, finalmente, può dirsi quasi conclusa. Quasi, perché l'ultima parte di quella piazza verrà aperta solo a fine mese.

I primi scavi archeologici risalgono al 2006, l'inizio dei lavori solo al 2010. Il tutto, tra l'altro, per dei parcheggi che sono stati al centro di molteplici polemiche. Oggi gli operai hanno rimosso le transenne: il 90% della piazza è di nuovo agibile e ben diversa da come ce la si ricordava. Viali lastricati, panchine, alberi e ovviamente il parcheggio. O meglio, l'accesso al parcheggio interrato che procede sottoterra per cinque piani, con un totale di 570 parcheggi.

Il costo finale di tutta l'opera (a carico delle imprese private che hanno realizzato i lavori) è stato di 18,5 milioni di euro. Ma l'importante è che gli assi prospettici sulla piazza che vanno dalla Basilica di Sant'Ambrogio e dall'ingresso dell'Università Cattolica siano di nuovo a disposizione dei milanesi.

Sulla vicenda ha speso qualche parola il vicesindaco De Cesaris: "Abbiamo lavorato con grande attenzione in tutti questi anni, con la collaborazione della Sovrintendenza, per essere in grado di rispondere alle esigenze di bellezza e di qualità che per quella piazza sono imprescindibili. Speriamo che con oggi possa mettersi la parola fine alle polemiche e ai problemi che hanno caratterizzato tutta questa vicenda".

sant'ambrogio

Foto | Alessandro Rosa

  • shares
  • +1
  • Mail