La moschea di Milano e il caos del Comune

"Sarà pronta per l'Expo anzi no, anzi sarà temporanea. Ecco quali saranno i luoghi preposti, anzi lo saprete a settembre".

Non ci si è capito molto, ma tirando le somme dell'incontro che si è tenuto ieri tra le delegazioni delle varie comunità religiose a Milano si potrebbe dire che ancora non si sa nulla, se non che l'impegno per arrivare alla creazione dei nuovi luoghi di culto - tra le quali spicca la costruzione della prima vera moschea di Milano - non è venuta meno. Per il resto, confusione totale.

Si sa che le aree che verranno messe a bando sono quattro, ma quanti aspettavano di capire quali queste aree fossero è rimasto perplesso: dovevano essere annunciate ieri, e invece il tutto è stato rimandato a settembre. L'assessore al Welfare Majorino ha poi spiegato che nessuna di queste strutture sarà pronta per Expo, salvo poi rimangiarsi in parte quanto detto, specificando che per i visitatori di fede musulmana che arriveranno per l'esposizione universale potranno trovare un sito a loro dedicato con tutte le informazioni su dove recarsi a pregare.

Qualcuno si è nuovamente perplesso? "Manderete gli uomini d'affari sauditi nel garage di viale Jenner?". Majorino non si è scomposto, spiegando come ci siano altre sedi più opportune. Ad aumentare ulteriormente la confusione il fatto che tra le sedi papabili (...) per la nuova moschea non ci sarà più l'area dell'ex PalaSharp di Lampugnano; il perché non è dato sapere.

E quindi? La cosa più probabile è che alla fine si opterà per una moschea provvisoria, che potrebbe essere all'interno della stessa area dell'Expo oppure approfittando dei fratelli Cabassi, che hanno messo a disposizione una struttura di loro proprietà in via Darwin, già bella che pronta. Si può seguire anche questa strada, ma nel caso il Comune sarà solo mediatore di una trattativa fra privati. Intanto qualcuno nota che i fratelli Cabassi, proprietari di numerose strutture a Milano, sono gli stessi che hanno consentito che finalmente giungesse a termine la lunga querelle della regolarizzazione del Leoncavallo. A Milano esistono anche immobiliaristi alternativi.

moschea-milano-620x435

  • shares
  • Mail