Linate - Malpensa: la guerra continua

La fuga dallo scalo di Varese continua a favorire l'aeroporto milanese. Ultimi a invertire la rotta, gli arabi di Etihad.

Non ci si può certo stupire se lo scalo di Malpensa continua a essere dissanguato in favore di Linate, d'altronde fa tutto parte della strategia dei governi che puntano a tenere in vita Alitalia. Ultima compagnia a levare le tende da Malpensa per dirigersi a Linate è Air Berlin: stando a quanto riporta Repubblica Milano già a fine ottobre la compagnia tedesca sposterà i suoi voli da Varese a Milano.

Che c'entra Alitalia? Il fatto è che Air Berlin è controllata al 29% da Etihad, che ha da poco concluso le operazioni di fusione con Alitalia. E così, una serie di slot inutilizzati da Alitalia sono stati girati ad Air Berlin: si tratta di tre voli al giorno per Dusseldorf, da cui poi i turisti partono per arrivare negli Stati Uniti. Mossa resa possibile dal decreto Lupi letto da tutti come cucito su misura per favorire Linate.

Nessuno tra gli addetti ai lavori è stupito di fronte all'ipotesi del trasloco da Malpensa a Linate di Air Berlin. La liberalizzazione delle rotte Ue dal city airport infatti, con buona pace delle istituzioni lombarde, è stata concordata diverso tempo fa sul tavolo della cessione di Alitalia ad Etihad. James Hogan, numero uno della compagnia di Abu Dhabi, aveva posto questo passaggio come precondizione alla sua firma. E l'obiettivo - dichiarato all'attimo della sigla finale dell'alleanza - di mettere le mani sui viaggiatori d'affari lombardi, uno dei bacini di passeggeri più redditizio al mondo.

Air Berlin in questo modo si comporterà esattamente come fanno Air France, Lufthansa e British Airlines: ovvero portando i loro voli a Linate per farli arrivare da lì ai loro hub, dal quale poi i viaggiatori procedono verso le mete desiderate. In tutto questo, la grande vittima è Malpensa, che negli ultimi anni sta subendo un crollo di passeggeri che non sembra destinato a fermarsi.

linate_41521

  • shares
  • +1
  • Mail