Milano sul podio delle città da visitare nel 2015 secondo la Lonely Planet

Subito dopo Washington (Usa) ed El Chaltén (Argentina) nella guida Best in Travel 2015.

Dev'essere necessariamente merito di Expo 2015 se Milano è riuscita a conquistare il terzo posto della guida Best in Travel 2015 della Lonely Planet, la guida che suggerisce le mete più di tendenza per l'anno che verrà. E diciamo subito che per noi milanesi la notizia è di quelle che lasciano un po' basiti: Milano la terza città al mondo che vale la pena visitare? Va bene che ci sarà da vedere anche l'esposizione universale (che poi a quante persone interessi è cosa ancora tutta da capire), ma così su due piedi mi vengono in mente almeno cento città che meritano più di Milano.

Sarà perché questa guida più che prendere in considerazione le mete classiche, si concentra sulle città che stanno avendo il maggiore sviluppo, altrimenti non si spiegherebbero nemmeno le prime due posizioni attribuite a Washington e El Chaltén (Argentina). E in effetti sono proprio le situazioni particolari del 2015 a determinare il successo o meno di una città, di un paese, di una regione. In quest'ottica, si capisce meglio perché Singapore è il paese top (nel 2015 cade il 50esimo dell'indipendenza ed è prevista l’apertura della National Art Gallery e il nuovissimo Singapore Sports Hub) e perché il nord della Norvegia è al top delle regioni (si potrà godere magnificamente dell'eclissi totale di sole del 20 marzo prossimo). Milano quindi coglie i primi frutti dell'Expo e della complessa opera di rinnovamento urbanistico che ha in Garibaldi-Porta Nuova il suo centro.

L'assessore al turismo milanese D'Alfonso è tutto contento e addirittura non sorpreso: "Che Milano sia stata selezionata dalla prestigiosa guida “Best in Travel” della mitica Lonely Planet come unica destinazione italiana e tra le tre migliori mete mondiali del 2015 ci lusinga molto ma non ci sorprende. Milano infatti è negli ultimi anni sempre più meta di turisti e mantiene la fama di polo attrattivo per investimenti e nuove attività economiche nella nostra Regione e in tutto il Paese. Lavora ogni giorno di più per migliorare l’offerta di servizi in vista dell’Esposizione Universale e per affrontare la sfida del dopo Expo 2015".

Copiamo e incolliamo integralmente l'introduzione su Milano che troverete nella guida della Lonely Planet:

Dici Milano e pensi al quadrilatero della moda, agli affari della Borsa, alla settimana del design. Eppure la seconda città più grande d'Italia è molto altro ancora. Milano offre i musei civici più ricchi del paese, un incredibile programma di mostre e collezioni, teatri sempre affollati. Negli ultimi anni la città è molto cambiata: lo stesso tessuto urbano è in continua evoluzione. Grattacieli con ambizioni da skyline newyorchese si sono imposti nell'immaginario collettivo e quartieri periferici meno conosciuti (l'Isola con i suoi ristoranti, la Bovisa, San Siro e le vecchie osterie), sono sempre più simbolo di una città multi-centrica e multietnica. Il 2015 è poi l'anno dell'Expo. L'ultima delle esposizioni mondiali che si tengono da metà '800 si svolgerà tra maggio e ottobre e avrà per tema il cibo, con un focus sull'agricoltura sostenibile e la nutrizione globale. Gli oltre 1.1 milioni di metri quadri sede dell'evento verranno allestiti come una classica città dell'impero romano, con vie simmetriche, un canale e un grande lago artificiale circondato dai padiglioni. Esplora il Future Food District, osserva le dimostrazioni culinarie, passeggia tra i musicisti e i ballerini di strada o concediti delle degustazioni di vino notturne. In passato le esposizioni universali hanno fatto conoscere o reso popolari cibi oggi onnipresenti come lo zucchero filato, i coni gelato e gli hamburger. A Milano potrai scoprire cosa mangeremo tra 50 anni.

Schermata 2014-10-24 alle 11.30.34

  • shares
  • +1
  • Mail