Porta Vittoria, riparte il cantiere ma sparisce la Biblioteca Europea

Il cantiere di Porta Vittoria

Ha riaperto negli scorsi giorni il cantiere di Porta Vittoria. Ora si può circolare in piazza Capelli (dove è stato acceso un nuovo semaforo) e dopo l'estate sarà aperta al traffico via Ortigara, che metterà in comunicazione viale Umbria con Via Lomellina (parcheggi saranno realizzata nell'area antistante, destinata inizialmente alla Beic).

Poi toccherà alla pista ciclopedonale che collegherà Largo Marinai d’Italia con viale Corsica e sarà ristrutturata via Cena.

Il progetto di riqualificazione della zona era stato approvato nel 1999, ma i lavori si erano bloccati nel 2007 a causa dei problemi giudiziari dell'immobiliarista Coppola, da poco rientrato in possesso dell'area in cui ora sta lavorando la Porta Vittoria Spa.

La Biblioteca Europea di Informazione e Cultura rischia però ora di non farsi più, almeno non nel contesto della riqualificazione di Porta Vittoria. “Entro un mese e mezzo il governo deve darci una risposta definitiva” spiega l'assessore all'Urbanistica Masseroli. Mancano infatti i fondi per il progetto, che richiede 200 milioni di euro per la sola realizzazione.

"Noi vorremmo realizzare la Beic, ma non possiamo tenere lì un buco finché non si trovano i soldi. Si sono alternati due governi di colori diversi, e nessuno ha deliberato il finanziamento" è stato l'esplicito ultimatum di Masseroli.

Tre anni fa il consiglio comunale ha approvato il progetto fissando appunto in tre anni i tempi di attesa. E il Comune, che ha messo a disposizione l'area, non ha più intenzione di aspettare. Anche perché ora ha intavolato una discussione con la Porta Vittoria Spa.

Nella zona infatti non sorgerà più il cinema preventivato (nessuno è interessato) e la struttura prevista per il multisala sarà destinata ad alberghi, sale congressi e residenze. Occorre una variante di progetto, su cui pesa quello che sorgerà al posto della Beic. “Resterà un'area di interesse pubblico” garantisce Masseroli.

Il resto dell'area pubblica, dove erano previsti campi sportivi, torna in discussione. Se ne dibatterà coi cittadini nell'assemblea pubblica del 21 maggio. I lavori per la parte privata, negozi, alberghi, ristoranti e residenze, dovrebbero essere terminati entro il 2013.

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: