Scontrini fiscali: anche a Milano l'evasione regna sovrana

soldi, evasione fiscale, scontriniDa una una denuncia dell'Associazione dei Contribuenti Italiani risulta che a Napoli solo 2 bar su dieci emetterebbero scontrini fiscali. A Milano va meglio, certamente, ma anche nella metropoli meneghina sto notando un crescendo vertiginoso di queste ben poco innocenti evasioni (lasciando stare Battisti), che in Italia toccano picchi himalayani di 100 miliardi di euro l'anno.

Perché questo fenomeno? Semplice, perché si può fare, sono diminuiti i controlli, è finito quel panico suscitato dalla finanziaria del 2006 - ve lo ricordate? - che prevedeva il


rischio chiusura del negozio anche con una sola violazione nell'emissione di scontrini fiscali.

Non ci vuole tanto. Il timore di chiuder baracca spinge alla legalità ben più che il senso civico o la consapevolezza di stare rubando. E la proposta anti-evasori dello scontrino con Gratta e Vinci di cui si parlava sei mesi fa? L'idea era quella di spingere gli acquirenti a chiedere lo scontrino perché spinti dal desiderio di vincere alla bizzarra lotteria e non perché infastiditi dalle conseguenze di un simile atto d'illegalità.

Le evasioni fiscali sono all'ordine del giorno presso qualunque esercente. Nei ristoranti il conto giunge su un piattino, ma a guardarlo bene sul foglietto c'è scritto “non fiscale”. Capita anche di vedere battuto uno scontrino con una cifra inferiore. Allora le possibilità sono due: si fa il donchisciotte rompiscatole e si chiede, oppure si lascia correre, d'altronde chi ce lo fa fare? Ci si sente fastidiosi come mosconi isterici, folli e un po' anacronistici paladini di una legalità così tanto violata, a tutti i livelli.

Ma come reagiscono gli esercenti alla richiesta dello scontrino? Fanno intenndere che "sì sì, certo, stavamo per farvelo" anche se ultimamente sembrano sempre più infastiditi come a dire: "ma perché sto qua non si fa i fatti suoi?!".

Così l'evasione fiscale di massa dilaga, affossa un paese che sembra più preoccupato di mandare le forze dell'ordine (o le ronde) per le strade, per combattere altri crimini che saltano più all'occhio. Eppure non si pecca solo nelle opere e nelle parole, ma anche nelle "omissioni". Voi come reagite in caso di mancata emissione dello scontrino?

  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: