Audioscan, l'inquinamento acustico di Milano messo in musica


Non passa giorno senza che si parli di smog, giustamente. Ma c'è un'altra forma di inquinamento, forse meno dannosa per la salute, ma incredibilmente fastidiosa per i nervi: l'inquinamento acustico. Clacson e motociclette rombanti personalmente mi urtano non poco. Mi fa quindi particolarmente piacere segnalare un'iniziativa che pone enfasi proprio sul problema dei troppo trascurati decibel.

Si chiama audioscan ed è un progetto artistico ideato da Giorgio Sancristoforo, prodotto da AGON con la collaborazione di basemental e con il sostegno di Cariplo, della Regione e del Comune di Milano. Utilizzando 1580 registrazioni ambientali effettuate nelle vie e nelle piazze di Milano, i realizzatori hanno costruito un'installazione multimediale interattiva che unisce musica e video basandosi sulla mappatura sonora della città.

Oltre a questa installazione audioscan presenteranno una performance live, ugualmente multimediale. Lo scopo del progetto è quello di creare un'occasione di riflessione sulle caratteristiche del suono che circonda le nostre vite e i nostri spazi. Di far emergere il rumore di fondo della città...

Al crocevia tra arte contemporanea, musica e ambientalismo audioscan è una meditazione sul paesaggio sonoro in cui siamo immersi e sulla dimensione uditiva della nostra esperienza umana, sia in senso sociale sia in senso estetico. Mettendo in musica i rumori, spesso sgradevoli e sgraditi della metropoli, audioscan è un'ambiziosa opera di catalogazione e riorganizzazione estetica di uno dei maggiori prodotti di scarto delle società avanzate: il rumore, appunto.

Per scendere nel dettaglio, come si diceva, audioscan si articola in due opere: un'installazione vera e propria e una performance live. L'installazione sarà visitabile presso la Sala Conferenze di Palazzo Reale dal 20 al 30 maggio (lun 14:30/19:30 - mar, mer, ven, dom 9:30/19:30, giove, sab 9:30/22:30) e, attraverso l'utilizzo di un touchscreen, permetterà al fruitore di ascoltare il suono di una determinata strada milanese oppure di utilizzare i rumori per creare dei loop manipolabili e costruire una sorta di musica utilizzando il sottofondo metropolitano come mattone base della composizione.

La performance live invece si terrà al Palazzo del Ghiaccio di Via Piranesi in data giovedì 27 maggio dalle ore 21:00, come evento inaugurale di Audiovisiva 6.0 e costerà 15 euro. La performance si articolerà in un vero e proprio concerto di musica interamente prodotta utilizzando i rumori cittadini e realizzata da Giorgio Sancristoforo e Giuseppe Cordaro con l'accompagnamento del video-artista Quayola.

  • shares
  • Mail