Celentano sindaco nel 2011?

Adriano Celentano sindaco di Milano? Pazzesco: leggete qui sotto cosa ha spiegato ieri, cogliendo al volo l'assist lanciatogli durante un incontro con Mario Capanna, profeta del '68 meneghino

"E' un po' presto per dirlo anche perché mi sembra difficile da realizzare per tanti motivi. Non me ne viene in mente uno ma è difficile. Bisognerà vedere gli sviluppi, se viene fuori una cosa importante io potrei essere talmente responsabilizzato (...) Io non vorrei fare il sindaco perché so a che cosa andrei incontro e poi credo che durerei poco. Ma a quel punto subentrerebbe la coscienza: c'è questa voce che è talmente elevata e talmente forte che dovrei piegarmi a questa richiesta che poi potrebbe essere molto divertente come tutte le battaglie. Aspettate ancora un po'"

Fin qui vi sembra una news bizzarra? Il bello deve ancora arrivare. Vicesindaco, sarebbe Mario Capanna, un assessorato finirebbe a Claudia Mori, e il programma si concentrerebbe su "abbattere le case brutte e i grattacieli"...

"Per cercare di appassionare la gente e ritrovarci tutti insieme a lavorare per un progetto si potrebbe buttare giù Milano, quella brutta, tutte le case brutte che ci sono che poi adesso si riempie di grattacieli. Per esempio il Pirellone nuovo preso da solo non è brutto ma è brutto l'accostamento con le altre case (...) Milano è una città senza volto (...) si potrebbe fare un referendum per sgombrare la zona dove hanno costruito i grattacieli adesso: si mettono tante mine e tutto crolla giù"

L'unica colonna sonora credibile di tutto ciò? La trovate qui sopra: Giungla di Città, dalla lisergica pellicola del Molleggiato Bingo Bongo, del 1982.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: