Gli eventi della settimana a Milano: da lunedì 17 maggio a domenica 23

Gente, ho guardato le previsioni. Potrebbe esserci il sole addirittura per tutta la settimana. Incredibile vero? Diciamo che il battesimo di questa rubrica finora era stato piuttosto sfortunato coincidendo con due settimane di meteo quantomeno variabile se non addirittura orrendo. Ora però sembra giunto il momento del riscatto. Ecco alcune proposte per viverlo al meglio e per passare una settimana milanese all'insegna di cultura, musica, arte e divertimento.

Lunedì 17: Se lavorate o vivete vicino al centro, il mio consiglio personale è... un recupero del tempo perduto in orario aperitivo. È esattamente un mese che al Palazzo della ragione in Via Mercanti 1, espone la mostra "Kubrick fotografo". Il lunedì apre solo il pomeriggio fino alle 19:30, quindi se volete immergervi nell'immaginario di uno dei più grandi e scrupolosi geni della cultura visuale novecentesca vi consiglio di farci un salto. Io l'ho fatto proprio l'altroieri e ne sono rimasto colpito molto al di sopra delle mie aspettative. Ogni giorno ovviamente è buono, ma per aprire la settimana potrebbe essere perfetto.

Martedì 18: Per i nostalgici del trash (o anche no, sono punti di vista) l'appuntamento imprescindibile è con i Kiss al Forum di Assago. Make up e chitarre per tutti. Io invece sceglierò o sceglierei qualcosa di più sobrio ma allo stesso tempo stravagante: al Blue Note di Via Borsieri suonano alcuni dei musicisti che hanno accompagnato la carriera di Frank Zappa. Qualità e psichedelia non mancheranno. Ma se Zappa è ancora troppo borderline per i vostri gusti, al Conservatorio canta l'Amsterdam Baroque Orchestra & Choir. Dalle 20 e 30. Famosi per l'interpretazioni della cantate di Bach ma non chiedetemi altro.

Mercoledì 19: vi ricordate City of god? Capolavoro del cinema brasiliano di qualche anno fa? Veloce, crudo, girato alla perfezione. Ecco, il cinema Gnomo apre i propri spazi a una rassegna del meglio del cinema brasiliano contemporaneo che da lì ha iniziato il suo cammino fino a diventare uno dei migliori cinema nazionali in circolazione. Spettacolare ma anche sociale. Da provare anche per chiedersi "perché all'Italia non capita più una generazione di filmakers così?"

Giovedì 20: la buona notizia è che alle 18 e 30, grazie alla sempre meritevole Fondazione Trussardi, si inaugura (a Palazzo Citterio, via Brera 14) la nuova mostra di Paul McCarthy (un caso di quasi omonimia eccezionale oltre che da top-20 degli artisti contemporanei); la cattiva è che è su invito. L'altra buona notizia è che comunque la mostra in cui McCarthy espone Pig Island un work in progress lisergico iniziato sette anni fa proseguirà anche nei prossimi giorni. Per cui, se non siete tra i fortunati invitati, tenetelo a mente, magari per il week-end. Nell'attesa per sfamare le vostre voglie d'arte potreste fare due passi al quartiere Isola, tra le inaugurazioni interessanti c'è quella presso la Biokip Gallery @ Assab One. Si intitola Nothing To Lose e, tramite interventi plurimediali, vorrebbe indagare il, sempre attualissimo, rapporto tra controcultura anni 60/70 e i giorni nostri.

Venerdì 21: Venerdì magrolino rispetto al solito per gli amanti delle danze e delle ore piccole. Di fatto in città si vedrà un solo grande nome, peraltro un po' in ribasso: Ellen Allien. In scena ai Magazzini Generali per la bellezza di 18 euro. Fidatevi, se ne può fare a meno e, magari, sostituire il salasso provando un nuovo locale come lo Zoom in via Castaldi, 26. Selezione funk vecchio stile che promette molto bene. Oppure in alternativa fare un salto al Teatro dell'Arte (via Alemagna, 2) dove suona Gonzales, un canadese stralunato che mischia rap, canzone d'autore, cita Gainsbourg tra le sue influenze e sa essere tanto bizzarro quanto rilassante e romantico.

Sabato 22: non so a voi ma a me questa cosa di Via Padova è meglio di Milano, mi incuriosisce non poco. Sarà che non conosco bene la via in questione, di recente spesso al centro delle cronache, sarà che - bel tempo permettendo - spero di incontrare un'atmosfera aperta, stradaiola e festante con molte persone, giovani e non, in giro che rendano finalmente la vita in strada milanese vivibile e ricca di volti, incontri etc.. però credo che valga la pena fare un salto. Se non sapete ancora di cosa si tratta, ve lo spiega il buon carloprevosti proprio dalle pagine di 02blog. Oltretutto va avanti dalla mattina a, quasi la notte, quindi nel caso foste tifosi di quella squadra di Milano per cui tifo anche io... c'è tutto il tempo per tornare a casa o riparare in qualche pub per assistere alla finale di Champions League.

Domenica 23: riparte da dove ho terminato il Sabato. La vostra domenica potrebbe essere perfetta o insopportabile. Dipende tutto da per che squadra tifavate la sera prima. Purtroppo certe volte non basta una Mastercard.

  • shares
  • Mail