Gelati a Milano: i migliori (ma anche i più cari?)

gelati a milanoIn passato avevamo scritto dei gelati più buoni di Milano e anche delle migliori gelaterie di Milano, stilando insieme a voi lettori, fondamentali come sempre, una classifica: oggi Valerio Massimo Visintin, guru enogastronomico del Corriere, dedica un ampio post sul suo blog proprio alle gelaterie di Milano, ma più che sulle caratteristiche del prodotto, analizza i prezzi. Che tendenzialmente a Milano, sono al carato


i prezzi sono generalmente allineati tra i 18 e i 20 euro, pur registrando diffusi sfondamenti oltre questo muro. Tanto per fare qualche nome, costano 22 euro al chilo i gelati di Krem in via Turati e quelli di VivereMeglio in corso di Porta Vittoria (...) 25 per Umberto in piazza V Giornate e per la Bottega del Gelato di via Pergolesi. Sino a toccare incredibilmente i 30 euro al chilo con il gelato di Sant’Ambroeus in corso Matteotti.

Di fronte a cifre come queste, si fa ancora più roca la voce di Alberto Pica, presidente della Associazione Italiana Gelatieri, che ha sede a Roma: “Noi gliel’abbiamo detto cento volte ai colleghi de Milano”, spiega con pittoresco accento capitolino. “Stateve bboni. Co' sti prezzi je facciamo perde a fantasia ar cliente. Se un gelato costa come ‘na bistecca, la gente se magna 'a bistecca”


Non solo, ci sono anche altri i dati interessanti...

Sempre il Presidente della Associazione Italiana Gelatieri spiega a Visintin che

“Carcolamo che la produzione costa circa 6 euro al chilo. Quindi, faccia conto che un prezzo giusto sta attorno ai 14 euro”. E difatti, nella sua gelateria di via della Seggiola si paga quella cifra: “E tra miei clienti ce stanno personaggi come Andreotti e Verdone…”.

Soluzioni al caro gelato? Segnalateci voi i posti con il miglior rapporto qualità prezzo: e la guida scriviamola insieme. Se invece preferite una opzione più radicale, su Dissapore trovate chi si è comprato quella che definisce "la Aston Martin delle gelatiere", una Musso, e si è dato al diy: con ottimi risultati a quanto pare.

Sulle gelatiere Musso, c'è tutta una storia interessante da leggersi. Da Mortara, in provincia di Pavia, dove tutt'ora c'è la fabbrica, ora sono in tutto il mondo

Sì, perché a farci due chiacchiere con questo signore ottantenne che ha inventato, lanciato e prodotto la vera prima macchina per gelato da casa, si torna ricchi di aneddoti e risate, da un Agnelli che regala la gelatiera a personaggi di spicco della finanza internazionale (e non solo).

Ad Andreotti che la regala all’allora primo ministro francese Messmer, causando quasi un incidente internazionale, perché il sospetto ticchettio del timer aveva gettato nel panico la “sicurezza” francese.

E via così, presente nelle cucine reali d’Inghilterra, voluta da Clinton dopo aver assaggiato un gelato pare “strepitoso” in uno dei migliori ristoranti di Boston, questa gelatiera si è guadagnata la foto in primo piano di un servizio sulla cucina italiana del New York Times già nel 1997 e ha recitato da comparsa in numerosi film (tutto scoperto dopo e per caso)


Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: