Expo 2015: Bros arruolato per colorare i muri grigi dell'esposizione

Lo street artist milanese si occuperà di dipingerà l'auditorium e il centro conferenze.

Da nemico pubblico numero uno ai tempi dell'amministrazione Moratti-De Corato, ad artista milanese che avrà una parte di rilievo nell'evento più importante che la storia di Milano recente ricordi, ovviamente l'Expo 2015. Lo street artist Bros, infatti, è stato incaricato di dipingere quelle che a oggi sono due grosse scatole completamente vuote: l'auditorium e il centro conferenze. Il primo avrà mille posti e tutti i paesi partecipanti potranno organizzarci i loro spettacoli; il secondo invece ospiterà gli incontri più istituzionali.

Al momento la vista di questi due parallelepipedi non è proprio in sintonia con il paesaggio di Expo 2015, che al suo completamente sarà tutto un padiglione dopo l'altro, colorati e dalle forme più diverse. Quel grigio, insomma, stonava. E quindi si è pensato di rimediare arruolando uno che da anni ha come compito principale proprio quello di portare un po' di colore laddove regna il grigio.

D'altra parte che a Milano la street art sia stata ormai sdoganata lo dimostra anche la mostra di Pao in corso in zona Porta Venezia. In questo caso però la tecnica utilizzata sarà diversa da quelli con cui gli street artists iniziano la loro carriera intervenendo sui muri. Bros userà infatti 400 strisce larghe un metro che avranno colori di tutte le sfumature (un po' come potete vedere nelle foto qui sotto, quando Bros diede vita a un Padiglione Natura che solo marginalmente c'entra con Expo).

C'è anche qualche soldo in ballo, e ci mancherebbe altro. All'artista sarà corrisposta la cifra di 150mila euro, ma la sua commissione non si limita a queste due opere. Potrà intervenire anche su altre parti della cittadella, da quello si capisce con larga autonomia.

padiglione-natura-bros-8-620x350

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: