Inizia la maturità: mancano 200 docenti a Milano

alemanni maturità milanoLa maturità ve la ricordate? Io nì, ricordo solo un ottimo tema e una disastrosa versione di greco. Beh, da oggi per 25 mila milanesi la maturità è un fatto di stringente attualità e angoscia (mai capito chi si angosciava, però).

Questa è la buona novella; quella meno buona è che su 638 commissioni (3750 esaminatori totali) mancano ben 183 docenti (161 esaminatori e 22 presidenti di commissione). Tutti, ovviamente, con certificato medico alla mano. Solo io sento puzza di Pomigliano? Alla faccia della Gelmini: "la situazione dei docenti è sotto controllo".

Uno dice: "un disatro!". Macché, è una maturità in linea con le cifre degli ultimi anni post-Gelmini, sia per quanto riguarda i non ammessi intorno al 5,7 per cento del totale (basta un'insufficienza in pagella e ci si rivede il prossimo anno e anche le lodi sono in ribasso) sia per quanto riguarda le defezioni in commissione...

Comunque si va avanti e domani si riparte con la seconda prova (la versione di latino o greco per il classico, matematica per lo scientifico) e venerdì con la terza; un "uno-due-tre" inedito (un tempo c'era un week-end di mezzo, tra l'una e l'altra) di cui alcuni studenti si sono lamentati.

Intanto arrivano le prime indiscrezioni sugli argomenti della prima prova scritta di italiano: Foibe, Primo Levi, trattazione filosofica della solitudine dell'uomo nell'universo (con testi di Kant e Stephen Hawking..strano manchi Pascal), il ruolo dei giovani nella storia e nella politica, l'evoluzione del ruolo della musica da Aristotele ai giorni nostri, il piacere da D'Annunzio a Brecht.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: