Libri: "La traversata di Milano" di Maurizio Cucchi

Scritto da: -

la traversata di milanoQualche settimana fa un’amica mi ha prestato questo volume, La traversata di Milano, di Maurizio Cucchi. E’ uscito nel 2007 per Mondadori, non è un testo raro o complicato da trovare, ma è quasi con certezza uno dei più bei libri che abbia mai letto su Milano. Non arrivo a fare promesse alla Satisfiction - se non vi piace, scatta il risarcimento - ma credetemi: merita davvero.

Cucchi ci guida per le strade della nostra città, e per ogni via, piazza, incrocio ha una storia da raccontarci. Da vero flâneur passeggia e ti racconta della casa in cui viveva Stendhal, o della incredibile tournée di Buffalo Bill e Toro Seduto del 1906 - che secondo la leggenda diede i natali all’altrettanto leggendaria Trattoria California di via Ornato - o molto altro ancora.

Passando da Monluè, da via Senato, dalle storie di una città operosa, timida e discreta come poteva esserlo negli anni quaranta del secolo scorso o secoli prima. Prima di noi ho trovato un paio di altri blog che ne hanno parlato, c’è una recensione non entusiastica e una molto positiva…

Partiamo dalle critiche, lette su si regalano libri:

A maggior ragione dispiace scoprire di avere tra le mani un testo che finisce spesso per rivelarsi appassionante quanto un trattato di toponomastica: i passi un po’ più suggestivi annegano in un fiume troppo impetuoso di vie, piazze e chiese che dicono ben poco al lettore non milanese, in un eccesso di nomi di artisti minori appena accennati e personaggi che, quando non si tratti di “grandi milanesi” nazionalmente noti (o adottivi tali, come il francese Henri Beyle/Stendhal, sulla cui lapide campeggia, per sua volontà, l’aggettivo “milanese”), risultano troppo impastati alle memorie personali dell’autore per poter attrarre l’interesse di chiunque altro.
Si sente, che Cucchi ce l’ha nel cuore e negli occhi, l’anima di Milano: ma non riesce a trasmettercene che pochi, isolati e fuggevoli frammenti, difficili da trattenere

passiamo invece a Nessun Dove, lì la traversata è piaciuta

Storie ordinarie e straordinarie a sfidare dicerie e clichè. Cucchi ci regala una mappa, i palazzi, i nomi delle vie sono gli stessi ma i personaggi, quelli no. Andrebbe integrata al GPS di chi Milano, senza conoscerla, la vede ancora grigia, anonima e fredda. Per chi è la traversata? Diremmo chi non conosce Milano, chi la conosce, chi crede di conoscerla, chi ci vive, chi vorrebbe viverci. Per riconciliarsi eventualmente o per (ri)scoprirla.

Durante il viaggio di ritorno da Genova, la città d’origine del milanese Franco Loi, ci tornavano alla mente un paio di suoi versi “La vita, me diceva un vècc amìs, / adess che à» ‘mparà, à» ‘mparà nient”.

Aggiungo per quel che può contare il mio giudizio: un libro meraviglioso.

Maurizio Cucchi,
La Traversata di Milano
Mondadori, 185 pp, 17 euro

Vota l'articolo:
3.89 su 5.00 basato su 9 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Libri: &quote;La traversata di Milano&quote; di Maurizio Cucchi

    Posted by: Febs

    Bella segnalazione! Scritto il Date —