Centri massaggi a Milano: l'ambiguità è l'unica certezza

massaggi milano“Tanti discorsi ambigui, buttati come l'edera per nascondere un pozzo”. Il pozzo è quello dei centri massaggi cinesi a Milano moltiplicatisi - come funghi dopo un acquazzone - a Milano nel triennio 2007/2010. C'è un sito, massaggi Milano, che li mappa e li recensisce: fondamentale per comprendere il fenomeno sia dal punto di vista sociologico che da quello del cliente.

Chi ci va? Cosa cerca? Quali sono i migliori di Milano? Quali sono i tipi di massaggio disponibili? Qual è la differenza tra un Hot Stone (ovvero il massaggio con pietre laviche) e un Tui-na? Facile fare una ricerca navigando per gli innumerevoli articoli già scritti o affidandosi alle sensazionalistiche inchieste stile Iene, troppo oneroso andarci di persona.

Più utile affidarsi a massaggiamilano.it che nasce di riflesso a questo boom dominato dagli occhi a mandorla e da luoghi apparentemente tutti uguali, sempre vuoti con l'insegna rossa “Open” accesa fino a notte fonda.

Entrando nel sito ci si imbatte sia nelle esperienze memorabili che nelle cantonate prese nei vari centri benessere della metropoli meneghina. È come leggere un romanzo scritto a più mani. Il fascino sta nel modo di scrivere e di raccontare. C'è bisogno di una “narrazione vendoliana” per affrontare il tema dei centri massaggi di Milano?!?

Il narratore per eccellenza, insignito dal simil-massonico titolo di Gran Signore dei Massaggi, è Sonoungrande, un ego così smisurato che se ci fosse un kart alimentato dal suo stesso senso di auto-soddisfazione (cit. i Simpson), potrebbe fare il giro del mondo; la foto del nostro Presidente del Consiglio nel profilo, un stile quasi bianciardiano...

Non starò a ribadire per l'ennesima volta che io sono il vero indiana jones del forum, impavido avventuriero ed esploratore del mondo massaggifero, senza timore di scovare nuovi lidi, senza paura di non trovare ciò che tutti noi speriamo di trovare ad ogni nuova esperienza. Perché alla fine l'avventura e il mettersi continuamente in gioco, paga. eccome se paga.

Sonoungrande è il GufoRomeo dei massaggi milanesi; si muove fiero con la sua vettura in cerca di nuovi luoghi per ristorare le sue membra stanche.

Tornato a casa racconta esaurientemente ai lettori del sito la sua esperienza e lo fa con un stile personalissimo. Incontra le massaggiatrici con le quali è smaccatamente seducente; le tratta come se si trovasse ad un appuntamento galante, le inebria col suo stile zampettiano, degno del Dogui:

Lei è proprio di fronte a me, sul marciapiede a 7 passi dal mio cospetto.
Ci riconosciamo ma io non metto giù il telefono. continuo a parlarle al telefono per 7, 6 ,5 ,4 ,3 ,2 1, passi, solo all'ultimo passo termino la conversazione telefonica e mi cimento in uno dei più smaglianti sorrisi della mia vita.

L'appuntamento, in questo caso, era con la massaggiatrice del Neru Massage di Gallarate. Un esperienza che, a quanto pare, si conclude con sommo gaudio:


immediatamente dopo il suo corpo diventa un tutt'uno col mio. Lei scivola e sguizza sopra di me, in un contorcersi di movimenti e manipolazioni che procurano alle mie stanche membra un piacere irresistibile.


Le recensioni dei frequentatori dei centri massaggi sono ambigue, spesso vaghe; ci sono i novellini che pongono timide domande. Forse sognano che il centro massaggi sia un protetto luogo di prostituzione, lontano dagli occhi severi di moralisti e forze dell'ordine, altri che invece chiedono informazioni tecniche sul tipo di massaggio, ma ad interessare è soprattutto l'aspetto della ragazza.

Ci sono annunci di ragazze che propongono in privato massaggi tantrici e che postano foto nude, lasciando poco spazio al dubbio, altre invece che garantiscono sulla serietà della loro terapia fisica. Ci sono le recensioni alle ragazze scritte direttamente dai frequentatori.

Come nel mondo di escortforum, si sprecano le metafore, specialmente quando si parla del prezzo della prestazione. Un habitué dei centri scrive della brasiliana Amanda:

nessuna attenzione per l'orologio e grandissimo coinvolgimento per un danno complessivo di 100 euro per oltre un'ora di aneddotica.

Se l'ambiguità del trattamento è massima, i numeri dicono più di qualunque altra cosa. Nel 1994 i centri massaggi nel milanese erano quattro, ora sono quasi 400. A parte il giro di prostituzione – con rapporto mai completo (si dice) ma comunque happy end - il legittimo sospetto è quello del riciclaggio che avviene con l'apertura di centri massaggi con soldi di “dubbia” origine e altri sistemi di fatturazione truffaldini.

Forse credevate che la causa fosse del boom fosse il proverbiale stress milanese?

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: