Giostre e palii "animaleschi" della provincia di Milano

palii della provincia di MilanoSe, come il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, considerate i palii che adoperano animali un atto barbarico e lesivo per l'immagine dell'Italia, questo post non fa per voi o farà salire la vostra indignazione. Al contrario, se vi divertite come matti nel vedere oche, asini, cavalli che arrancano in un circuito cittadino tra gente esultante e fiera delle proprie tradizioni, allora vi potrebbe interessare conoscere quali sono i più noti palii della provincia di Milano.

La tendenza ad usare animali per il proprio ludibrio competitivo sembra in fase di secolarizzazione. Un signore di Gaggiano mi parlava del palio degli asini che si svolgeva annualmente a maggio. Le proteste degli animalisti hanno avuto la meglio e da più di un lustro Gaggiano ha perso questa corsa di somari.

Nel 2010 il comune di Barlassina ha sostituito gli asini con delle biciclette. Quale sarà il prossimo palio a non veder più gareggiare animali? Dopo il salto trovate una serie di palii della provincia di Milano. Se ne conoscete altri degni di nota, segnalateli nei commenti.

Agrate Brianza: Palio degli asini

Il palio si tiene nella frazione di Omate la prima domenica di giugno. Gli asini percorrono le vie della piccola frazione. Ogni contrada ha il suo asino.

Abbiategrasso: Palio di San Pietro

Nato nel 1980 coinvolge quasi tutte le contrade della città di Abbiategrasso. Si svolge la seconda domenica di giugno. Il sito lo descrive così:


La disputa del Palio consiste in una corsa libera con fantini (provenienti da Siena, Asti, Legnano), ingaggiati da ciascuna Contrada, che cavalcano a pelo (il cavallo), impegnati in una corsa composta da cinque giri della pista.

Barlassina: Palio degli asini

La terza domenica di settembre. Leggo in un forum che quest'anno ci sono stati dei problemi al regolare svolgimento della Cursa di asnitt: gli ambientalisti della LIDA, hanno fermato il palio e gli asini sono stati sostituiti da biciclette.

Legnano: Palio di Legnano

Si svolge l'ultima domenica di maggio. E' uno dei più frequentati della Lombardia. Per accedere alla gara dei cavalli è necessario comprare i biglietti che costano dai 6 ai 65 euro. La gara si svolge al campo sportivo. Così è descritta da wikipedia:


Si corre su manto sabbioso ed è composto da due batterie eliminatorie di 4 giri dell'anello, a cui partecipano 4 contrade ciascuna, e da una finale di 5 giri tra le prime 2 classificate delle batterie precedenti. La composizione delle batterie nonché l'ordine di disposizione dei cavalli al canapo (dal più vicino allo steccato al più esterno) sono definiti con sorteggio che avviene prima della gara. La contrada vincitrice del Palio ha diritto a conservare nella propria chiesa, fino all'anno successivo, la Croce di Ariberto da Intimiano.

Lacchiarella: Palio dell'oca

Imperdibile. Quest'anno si svolge il 10 ottobre ed è parte del cosiddetto autunno Ciarlasco. Così è descritta dal sito:

Il Palio dell'Oca consiste in una serie di prove in cui i vari cantoni (rioni) dovranno cimentarsi nell'arco di tre domeniche; la corsa delle oche costituisce il clou della manifestazione e nelle passate edizioni ha richiamato e appassionato decine di migliaia di spettatori venuti da tutta la Lombardia; la corsa si svolge lungo un percorso creato tra alcune vie del paese, sollecitate unicamente dal richiamo verbale dei loro conduttori.

Trezzano Rosa: Palio degli asini

Si svolge la terza domenica di ottobre in occasione della sagra delle caldarroste e prevede una corsa di asini.

Palii senza animali:

Caponago: Palio dell'avvocato

Curiosa festa di paese dedicata a Tomaso da Caponago. Si tiene la seconda domenica di settembre. Ognuno dei quattro rioni è rappresentato da 40 portatori che reggono in spalla un'enorme statua raffigurante un avvocato. La gara si svolge tra loro.

Cesano Maderno: Palio de la Caretela

Si svolge l'ultima domenica di settembre. La corsa tra le varie contrade avviene con delle carriole, riproduzione di quelle che all'inizo del 900' venivano utilizzate per il trasporto di merci e masserizie.

Desio: Palio degli zoccoli

Si svolge tra maggio e giugno. È una gara tra le 11 contrade di Desio, così descritta da wikipedia:


la particolarità di questa gara è costituita dalle calzature degli atleti, che sono zoccoli in legno calzati su piedi nudi: la tradizione locale infatti vuole che durante il governo dei Torriani fosse proibito alla popolazione del borgo di calzare zoccoli di legno, perché il rumore delle suole battute sul selciato faceva fuggire la selvaggina dai boschi circostanti.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: