Blocco veicoli inquinanti Regione Lombardia: dal 15 ottobre al 15 aprile 2011

blocco auto inverno 2010 regione lombardia

Da oggi, 15 ottobre 2010 al 15 aprile 2011, torna il blocco del traffico della Regione Lombardia per i mezzi più inquinanti. Vediamo rapidamente le categorie interessate e gli orari. Non possono circolare nell'area critica A1 le auto Euro 0 a benzina e i diesel Euro 0,1,2. Blocco anche per le moto: i motocicli e i ciclomotori a due tempi Euro 0 sono soggetti a fermo permanente della circolazione nella zona A1. I limiti di questa zona A1?

Decisamente estesi: leggete questo pdf della Regione Lombardia, ci sono tutti i comuni e le province interessate - ovviamente, Milano c'è. Il blocco è attivo dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30. Pessime notizie per i motociclisti dall'anno prossimo: dal 15 ottobre 2011

Il provvedimento della Giunta regionale lombarda, inoltre, prevede che nel 2011, dal 15 ottobre, vi sia il fermo permanente della circolazione, oltre che nella Zona A1, anche nelle Zone A2, B, C1 e C2, da lunedì a domenica. Ciò significa, quindi. fermare completamente le moto e i ciclomotori a due tempi in tutta la Lombardia

Altre informazioni sul sito della Regione Lombardia. Dopo il salto i veicoli esclusi dal fermo.

Ecco chi può circolare comunque:

1. veicoli elettrici leggeri da città, veicoli ibridi e multimodali, micro veicoli elettrici ed elettroveicoli ultraleggeri;
2. veicoli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione;
3. veicoli alimentati a diesel (gasolio), dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili (filtri FAP) sia per dotazione di fabbrica, sia per successiva installazione. (N.B. Per "efficace sistema di abbattimento delle polveri sottili" si intende un sistema FAP in grado di garantire un valore di emissione del particolato pari o inferiore al limite fissato per gli Euro 3).
4. veicoli storici, purché in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici.
5. veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del Decreto legislativo 285/1992;
6. motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o pre-Euro 1;
7. veicoli con particolari caratteristiche costruttive o di utilizzo a servizio di finalità di tipo pubblico o sociale, di seguito specificati:
- veicoli, motoveicoli e ciclomotori della Polizia di Stato, della Polizia penitenziaria, della Guardia di Finanza, delle Forze Armate, del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa italiana, dei corpi e servizi di Polizia municipale e provinciale, della Protezione Civile e del Corpo Forestale;
- veicoli di pronto soccorso sanitario;
- scuola bus e mezzi di trasporto pubblico locale (TPL) – fatto salvo quanto già disciplinato per i veicoli di categoria M3 con DGR n. 4924 del 15/06/2007 e n. 6418 del 27/12/2007;
- veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso;
- autovetture targate CD e CC.

Tra le deroghe invece, vi segnalo questa che magari torna utile:

veicoli con a bordo almeno tre persone

avete presente al casello d'ingresso della Milano Laghi quelle corsie riservate al car pooling? Il concetto direi che è più o meno lo stesso.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: