Nascondersi tra le guglie del Duomo, l'arte di Liu Bolin allo Spazio Forma

Ricordo di aver letto tempo fa, suppongo su Sette del "Corriere", un servizio dedicato alla serie di lavori di Liu Bolin – artista cinese contemporaneo – ambientata in Italia; Mazen, un progetto della TwoCubed SRL di Milano, ha prodotto e realizzato un documentario dal titolo “Hiding in Italy”, una troupe ha seguito passo dopo passo il lavoro artistico di Liu Bolin, dalla scelta delle location alla realizzazione delle opere.

Mai come adesso è forse necessario "spiegare" l'arte contemporanea così come è slegata da qualsiasi vero supporto, molto più simile a un concetto o a una visione del mondo che a un'opera fisica. Osservare, grazie a un video, tutte le fasi di lavorazione, in cui si percepisce la potenza creativa dell’artista cinese che si "smaterializza" nel paesaggio – il Duomo meneghino, uno scorcio veneziano, un teatro… c'è anche lui ma non si percepisce subito! – attraverso le quali si esprime l'arte oggi è molto stimolante.

Il video che vi proponiamo è solo un trailer del cortometraggio completo (25 minuti) che viene trasmesso alla Fondazione Forma per la Fotografia di piazza Tito Lucrezio Caro 1; ricordo che la mostra dedicata a Liu Bolin sarà visitabile fino al 14 novembre per poi fare tappa a Verona presso la galleria Boxart (16 novembre - 4 dicembre). Dopo "Cina. Rinascita contemporanea" di Palazzo Reale e Zhang Huan al PAC Milano rinnova la sua attenzione verso le forme artistiche della Repubblica Popolare.

Video | Mazen by Vimeo

  • shares
  • +1
  • Mail