Milano Sound: una settimana di concerti a Milano dal 10 al 17 gennaio

banner sopund

La scorsa settimana Milano in Sound vi ha ragguagliato sui migliori appuntamenti dell'anno 2011. Una parentesi che chiudiamo riprendendo il consueto ritmo delle segnalazioni settimanali. Non ci troverete l'elenco completo di tutti i concerti in città; per questo ci sono ben più nutriti siti specializzati. Qui ci limitiamo a segnalare il "the best of". Commenti e segnalazioni da parte vostra sono ben accette. Let's rock.

Apertura con l'appuntamento vetrina. Non vogliamo non farvi sapere del concerto dei Club Dogo, ovvero i più autorevoli rappresentanti del rap milanese, il più borderline e truce. Nel nuovo album "Che bello essere noi" sono i soliti spietati, drogati, sessisti e tante altre facce di una solita medaglia, rigorosamente d'oro. Per conoscere le loro canzoni basta andare su YouTube e farsi un'idea (vi consiglio questa). Nel bene o nel male (decidete voi) fanno scuola. Un concerto "Per i fra’ sempre con l’impasto in mano e chi dice zio 20 volte al minuto", loro testuali parole. Se siete tra questi fortunati esseri l'appuntamento è per venerdì 14 al Live di Trezzo (via Mazzini, 58).

Parantesi chiusa. Aperta la settimana con il maledetto lunedì. Così, irriducibili fancazzisti o quelli che ogni giorno è buono per un bel concerto, per voi oggi, lunedì 10, c'è Marco Fabi alla Casa 139 (via Ripamonti, 139). Nome da "new comer", in realtà già premio Ciampi nel 2006. Cantautore Romano, presenta "Rumore Amore", disco, pare, curato, elegante, addirittura "perfetto". Vatti a fidare degli uffici stampa. Se volete andare sul sicuro c'è il Nidaba (via Gola, 12), magnifico localino sui navigli che dispensa ogni santo giorno la musica prediletta dal diavolo. Oggi, come sempre a ing. libero, abbiamo in cartellone il bluesman Jono Manson accompagnato dal chitarrista Chris Barron, già negli Spin Doctors (vi ricordate 2 Princes?).

Per fortuna che Martedì 11 il calendario si infittisce come la nebbia in valle Padana. La notte in musica si apre con l'interessante concerto del mefistofelico Giorgio Canali, vecchia volpe del rock italiano, già con CSI e molti altri gruppi seminali. Sul piccolo palco della Casa 139 porta il progetto "Love will tear us apart (again)", un omaggio ai Joy Division nel trentesimo anniversario della scomparsa di Ian Curtis, leader del gruppo.

Rock e classica, Mercoledì 12, con Niccolo Bossini, il chitarrista, cantante e song writer in forza nella band di Ligabue, che presenta il debutto solista sempre alla Casa 139 (sempre lei). All'Auditorium San Fedele (Via U. Hoepli, 3 A/B) appuntamento con il Divertimento Ensamble che esegue musiche di Francesconi, Prokofiev, Gervasoni e Ghisi.

I Perturbazione aprono la lista di giovedì 13. Autorevoli rappresentanti della musica pop d'autore italiana, alla Fondazione Pomodoro (via Solari, 35) li vedremo alle prese con il loro ultimo lavoro intitolato "Del Nostro Tempo Rubato", composto da ben 24 brani. Cambio registro, cambio decennio. Sul palco del Blue Note transita la cometa anni 80 dal nome Matt Bianco, fino al 15 gennaio. Qualcuno se li ricorda? Pare abbiano ancora un buon seguito.

Di sicuro non ancora seguitissima Federica Cambia, anche perché lei ha lavorato dietro le quinte da tempo essendo l'autrice di Alessandra Amoroso, Pausini, Marco Carta e molti altri. Ci tiene a fare sapere che ha pubblicato il suo primo album solita dal timbro pop-rock e lo presenta Venerdì 14 ai Magazzini Generali (via Pietrasanta, 14). Mescoliamo le carte e scopriamo che al Bloom di Mezzago (via Curiel, 39, MB) si esibiscono LNRipley, il combo di drum and bass che suona veri strumenti e non scende mai sotto i 120 bpm. Al Leoncavallo (via Watteau, 7) ci sono quei pazzi dei Fuzz Orchestra, band dedita ad un punk hardcore strumentale sintetizzabile in un due sole parole: rumore disturbato. All'Atm Bar (Bastioni Porta Volta 15), semnpre più proteso verso la musica live, suonano i Paradisi Noir, "gruppo innovativo e sperimentale che ibrida note blues, rock’n roll e ballate". Ancora indie-pen(r)denti: alla Casa 139 gli Elton Junk e gli Iori's eyes al Circolo Arci Scighera (via Candiani, 131).

Altro giorno succoso Sabato 15. Iniziamo con la furia metallica dei Bring Me The Horizon, che insieme a Architects e The Devil Wears Prada mettono a ferro e fuoco i Magazzini (via Pietrasanta, 14). All'Alcatraz (via Valtellina, 25. Info: 0269016352), preludio alla serata dance, il doppio concerto del chitarrista Maurizio Solieri, famoso per la sua collaborazione con il Vasco, e la band Custodie Cautelari. Di ben altro de-genere i Mumbu , nuovo progetto di Luca T. Mai e Antonio Zitarelli, rispettivamente sax negli ZU e Batteria nei Neo. Risultato? “Una musica grassa, torrentuosa, con ritmiche magiche-ipnotiche , barriti da rituale voodoo ed uscite di rigore africano”. Al Cox18 di Via Conchetta, 18. per i palati raffinati che arieggiano il pensiero con la musica classica consigliamo Il Trovatore, primo appuntamento della quadrilogia operistica con l’opera di Verdi e l’Orchestra Filarmonica. Al teatro Ciak Webank c/o Fabbrica del Vapore di Via Procaccini, 4.

Ultimo atto, Domenica , con l'unico appuntamento in cartellone: il live di Nesli all'Alcatraz, il fratello di Fibra, figliol prodigo della nuova ondata di rapper italiani presenta ‘Fragile’, il primo su major.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: