Personaggi metropolitani: la star del vagone meneghino, ladies and gentleman, Nicolò

Con Nicolò la libertà d'espressione artistica viene elevata all'ennesima potenza, anzi forse sarebbe meglio dire penitenza (per gli spettatori). La linea 1 è il suo palcoscenico, il microfono l'arma di distrazione di massa. Qualcuno invoca la neuro, ma Nicolò incurante ha una missione: divertire l'ignaro milanese sopito sul mezzo pubblico. Cappellino d'ordinanza e occhiale da sole intona: "Let's go hotside, in the muntain".

E' un rumoroso cazzaro, come si direbbe a Roma. La timidezza non sa cosa sia e quasi sempre festeggia il suo compleanno. Le sue performance musical-danzerecce, tra il grottesco e il comico, appassionano e divertono da tempo. Su You Tube i suoi video sono cliccatissimi e ogni apparizione è un evento mediatico che rimbalza di social network in social network. Qualcuno l'ha soprannominato il Checco Zelone della Linea 1, ma Nicolò non disdegna anche il tram per le sue intonate esibizioni.

In Inghilterra è successo che cantautori famosi abbiano iniziato la carriera esibendosi nei corridoi della Tube di Londra. Succederà anche a Nicolò? Nell'attesa che qualche talent scout scopra Nicolò, tra un'esibizione e l'altra, scrive potenziali tormentoni. Questa esibizione casalinga su You Tube ne è la dimostrazione.

Guardo fuori dalla mia città, un autotreno passa e se ne Va. Senza stazione, destinazione, una locazione o località. (...). Io guardo te e penso che io e te non siamo uguali, nemmeno un po’. Io sono ad ovest e tu ad est, e allora il nord dove sarà?

Sembra innocuo, un testo edulcorato capace di far sospirare le ragazzine con le consuete rime baciate. Invece non mancano i riferimenti filosofici sulle diversità e sulla mancanza di punti di riferimento per le nuove generazioni. Molto più di quello che appare.

Dopo averlo filmato con il telefonino non ho potuto avvicinarlo per fargli due domande, ero di fretta. Maledetta fretta. Un appello: Nicolò fatti vivo, vogliamo intervistarti, filmarti, conoscerti e stringerti la mano. Prima che di te si accorgano X-Factor, Maria de Filippi o la Maionchi.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: