San Valentino a Milano: cinque ristoranti dove andare (più uno)

san valentino milano piatto snoopyUpdate 10-2-2012 - Qui la guida di 02blog al San Valentino 2012 a Milano.

San Valentino 2011 è sempre più vicino, manca poco al 14 febbraio: per ora abbiamo aggiornato la guida ai motel dell'hinterland milanese, dove appartarsi in tranquillità. Ora invece ci occupiamo di ristoranti: un genere di serata più classica e consueta per celebrare la festa degli innamorati.

Tra quelli collaudati dal sottoscritto credo restino in cima alla lista ancora oggi Poporoya - via Bartolomeo Eustachi, 17 - eletto anche da voi lettori miglior giapponese di Milano. Impossibile non citare anche l'ottimo Arrow's in via Mantegna 17/19 (tel 02-341533) menu di pesce, qualità altissima, prezzi non per tutti: ma per una volta, può valere la spesa.

Se volete inforchettare delle portate più milanesi come non citare la Trattoria Arlati, via Alberto Nota 47 (tel 02-6433327) un luogo veramente singolare. Indescrivibile in così poco spazio: per farvi un'idea, date un'occhiata a qualche foto del loro sito, e se volete anche al menu.

E ancora: volete un San Valentino economico, libero da formalismi, la vostra ragazza e voi ve ne sbattete della forma e badate alla sostanza? Se per "sostanza" intendete un boccione da un litro e mezzo di vino rosso Uberti Marco, il vostro posto è la Trattoria California di via Ornato 122 (02-6426061).

Penultima segnalazione: ambiente storico, conduzione familiare, prezzi umani (a testa tra i venti e i trenta euro) e un luogo che alcuni mesi fa si trovò tra capo e collo una colossale sfiga ovvero La Villetta di viale Zara 87 (02-69007337). Perché la premessa? Bé, perché ancora un po' e quando ci fu l'esondazione del Seveso del settembre 2010 non finirono con tavoli e sedie dentro a una voragine di fango.

Ne scrissero su Sky Tg24

“Mi sono affacciato alla finestra, il Seveso stava esondando. Neanche il tempo di scendere in strada e ho visto la mia macchina finire giù, inghiottita dalla terra. E in un attimo è crollato tutto. Sulla strada si è aperta una voragine che ha divorato i binari del tram. E’ franato il giardino del mio locale. Una cascata d’acqua si è portata via tutto: dall’insegna alla staccionata.”

Si legge qualcosa anche nell'archivio del Corriere della Sera. Ieri sera di ritorno dal lavoro ci sono passato davanti: nel giardino ovviamente non si può ancora mangiare vista la stagione, ma c'era un bel cartello che spiegava di un'apertura per il giorno di San Valentino sia a pranzo che a cena - c'è una recensione leggibile da registrati su Il Mangione.it.

Altre segnalazioni a tema ristoranti nel post di San Valentino 2010. Chiudiamo: e se lunedì sera non avessimo voglia di uscire? Domani vedremo qualche dritta anche per una cena casalinga con i controfiocchi...

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: