Affittopoli 2011: dal Pio Albergo Trivulzio una nuova Mani Pulite?

affittopoli 2011 milano pio albergo trivulzioSono passati esattamente diciannove anni, era il 1992: dalla Baggina, dal Pio Albergo Trivulzio scaturiva la scintilla che avrebbe causato l'incendio Mani Pulite. Un luogo che torna di prepotenza al centro della cronaca in questi giorni, non so se abbiate seguito o meno la vicenda.

Vediamo di capire di cosa stiamo parlando partendo da questo pezzo del Fatto:

La lista dei beneficiari degli appartamenti del Pio Albergo Trivulzio, mille alloggi sparsi in tutta Milano per accogliere i poveri, arriva nelle mani del Comune dopo un braccio di ferro che ha coinvolto i vertici della Baggina e i consiglieri d’opposizione di Palazzo Marino, in particolare Barbara Ciabò di Futuro e Libertà. L’elenco è stato consegnato ieri in tarda serata a Manfredi Palmeri, presidente del Consiglio Comunale

In sintesi: appartamenti in zone di pregio, di proprietà della Baggina, affittati a prezzi bassissimi e assolutamente fuori mercato.

I nomi sono tanti. Il Corriere pubblica un paio di tabelle con una lista parziale dei nomi, altri pestano a destra o a sinistra a seconda della convenienza e della linea editoriale. Il Giornale per esempio tira in ballo la compagna di Giuliano Pisapia, Cinzia Sasso - giornalista di Repubblica - mentre il quotidiano di Eugenio Scalfari tiene un profilo basso, Il Fatto, nello stesso pezzo che vi segnalavo prima fa alcuni nomi, e gli esponenti del PdL milanese - Giulio Gallera, Guido Manca, il sen. PdL Piero Testoni, Domenico Lo Jucco, collaboratore e amico di Marcello dell'Utri - sono parecchi e di primo piano

Giulio Gallera, capogruppo del partito in comune, in una abitazione del Trivulzio ci ha persino domiciliato il suo studio legale, in una delle zone di maggior pregio della città: Porta Romana, civico 116. Oltre cento metri quadrati per poche migliaia di euro annui. C’è l’ex assessore comunale alla sicurezza e presidente di Metroweb, Guido Manca, che ha pure “sistemato” il figlio Alessandro. Il primo vive in via Santa Marta 15, 70 metri quadrati per 5mila euro annui, il secondo in 45 mq in via Paolo Bassi 22 per 1.600 euro.

Nell’elenco figura anche il nipote di Francesco Cossiga, Piero Testoni, parlamentare del Pdl. Paga 8.500 euro per 83 metri quadrati nello stesso stabile di Guido Manca. In corso di Porta Romana dal 2002 al 2009 ha vissuto Domenico Lo Jucco, ex uomo Publitalia, amico e stretto collaboratore di Marcello Dell’Utri tanto da essere stato tra i fondatori di Forza Italia, partito di cui divenne tesoriere. Naturale “pensare da una parte a una gestione poco trasparente


Per la lista completa dei nomi si dovrà attendere oggi pomeriggio alle 16. In queste ore anche Il Giorno tratta l'argomento anche con un commento di Sandro Neri, nel quale si rileva l'imbarazzante rimpallo di responsabilità sulla affittopoli 2011. Segno che evidentemente, a nessuno fa piacere che quella lista di fortunati inquilini venga resa pubblica

Quanto successo ieri intorno alla vicenda dei cosiddetti affitti «scontati» nelle case del Pio Albergo Trivulzio ha dell’incredibile. Perché ha visto per un’intera giornata alcune delle massime autorità locali rimpallarsi la patata bollente degli elenchi con i nomi degli inquilini che nessuno, a cominciare dal Pat, sembra voglia divulgare. Questioni di competenze, fanno sapere al termine del consiglio d’amministrazione convocato apposta sul caso. La Regione, cui nel pomeriggio è stata recapitata la busta con le due liste di affittuari, non ha voluto neppure aprirla e l’ha rispedita al mittente per problemi - ancora una volta - di competenza

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: