Milano come New York: un parco sulle rotaie dismesse con il progetto Rotaie Verdi


New York ha fatto scuola con la sua High Line (in foto), poi Parigi con la Promenade Plantée, la London Wildlife e ora (forse) Milano. Si perchè le rotaie dismesse del capoluogo lombardo potrebbero diventare un parco a disposizione di tutti i cittadini, uno spazio urbano ricco di vegetazione che, oltre ad un'oasi per i milanesi, un’ottima attrazione turistica.

L'idea è semplice: trasformare l’antico anello ferroviario, che va dalla stazione di San Cristoforo, lato p.zza Tirana, fino a Porta Genova. Un totale di 130.000 metri di oasi urbana che cingerebbe tutta la città. La proposta Rotaie verdi è partita dal WWF in collaborazione con l’officina The Hub. Il progetto propone dei veri e propri parchi naturali, ma c'è di più.

Oltre al vantaggio ambientale, Rotaie verdi porterebbe alla riqualificazione del paesaggio storico urbano, al restauro dell’archeologia industriale e alla trasformazione di spazi abbandonati in modelli di architettura d’avanguardia. Progetto che ipotizza inoltre un collegamento ai Raggi Verdi e una connessione tra i canali navigabili sopravvissuti a Milano e la zona del Parco Agricolo Sud.

Tanta carne al fuoco per un lavoro progettuale che farebbe "respirare" la città. Rimane da capire come intende muoversi il Comune in relazione a questo progetto e al famigerato PGT, da poco approvato. La sfida è aperta; Milano non può permettersi di perdere quest'opportunità, in relazione all'Expo e comunque in linea con i cinque referendum ambientalisti che chiedono l’estensione del ticket antismog, il raddoppio degli alberi a Milano, il potenziamento delle politicihe per l’efficienza energetica e la tutela della Darsena e del futuro parco di Expo 2015.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: