Referendum Milano Sì Muove giugno 2011: il terzo quesito, spiegato per bene

referendum milano sì muove verde pubblico2Il 12 e il 13 giugno si avvicinano: e torneremo a votare domenica dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15 stavolta per i referendum. Sia per i quattro referendum abrogativi - acqua pubblica 1 e 2, nucleare, legittimo impedimento - sia solo a Milano per i cinque quesiti "verdi" proposti da Milano Sì Muove.

Non si tratta in questo caso di referendum abrogativi, ma di referendum di indirizzo. Per votarli, valgono le stesse identiche regole della consultazione nazionale: dovete avere più di 18 anni, un documento di identità valido e la tessera elettorale, niente di più, niente di meno. Cambia solo il quorum: fissato al 30% - invece che al 50% - degli aventi diritto.

Nei giorni scorsi - proseguiremo tutta settimana - ho provato a spiegarvi i primi due quesiti ambientali (qui c'è il primo, qui c'è il secondo) per i quali voteremo solo noi milanesi. Oggi vediamo il terzo, dalla formulazione decisamente più semplice. Vi si chiede: volete "conservare il futuro parco dell’area EXPO?". Ma certo, ci mancherebbe. Ma di quale parco di quali aree verdi si parla?

terzo quesito milano sì muove

Più conciso degli altri, il terzo quesito di Milano Sì Muove guarda avanti, al 2015 e oltre, e all'esposizione internazionale che si svolgerà tra quattro anni. Vediamo prima il testo completo del terzo referendum di Milano Sì Muove

“Volete voi che il Comune di Milano adotti tutti gli atti ed effettui tutte le azioni necessarie a garantire la conservazione integrale del parco agroalimentare che sarà realizzato sul sito EXPO e la sua connessione al sistema delle aree verdi e delle acque?”

L’intervento non comporta costi a carico del bilancio comunale.

Un parco che rimane a disposizione dei milanesi per sempre è in ogni caso una buona cosa, a costo zero poi. Regalato: tutto sta a vedere quale sarà, e come sarà fatto, questo parco agroalimentare. Oltre alla conservazione del parco agroalimentare però, entrano in gioco tutte le aree verdi collegate all'esposizione internazionale - e anche verso le aree acquatiche.

Se qualcuno di voi ha visto Report, domenica sera, si sarà fatto un'idea della situazione. L'idea iniziale del parco agroalimentare di Stefano Boeri era straordinaria. Ora è un po' cambiata: ma meglio di me, parla la trascrizione della puntata che trovate sul sito di Report

schermata uno
schermata due
schermata tre

(3/5, segue)

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: