Grande Brera, nuovo slancio al progetto dopo l'annunciata cordata della Moratti

Il 21 settembre 2009 l'architetto Mario Bellini presentava il suo progetto di ampliamento e ristrutturazione della Pinacoteca alla città; per una Grande Brera ci voleva un grande soffitto di cristallo (vi piace quello del British Museum di Londra, disegnato da Foster? Beh, immaginate qualcosa di più modesto a coprire il cortile con il Napoleone del Canova e ci siamo). L'obiettivo minimo del (possibile) grande polo museale milanese è quello di esporre tutte le opere in deposito.

Dopo una breve polemica tra il ministro dei Beni culturali Galan e il commissario straordinario di Brera Resca circa i milioni di euro necessari per far partire il progetto (fonte: "Repubblica"), pare che i privati si siano mossi. Come? Grazie all'ex primo cittadino Letizia Moratti che intende formare una cordata di imprenditori per tramutare la Grande Brera in realtà. "Ci sarà tutto il contributo che sindaco, giunta e consiglio potranno dare" ha risposto Pisapia (fonte: "Corriere").

Che il progetto del nuovo museo abbia fatto fare definitivamente pace ai due avversari? Può darsi, intanto sembra che la febbre da partecipazione abbia contagiato tutti, assessori, direttori, perfino il Politecnico cui potrebbe essere affidato lo studio di fattibilità. Riporto infine le intelligenti domande del vicedirettore del "Corriere" Giangiacomo Schiavi: "Perché l'ex sindaco scende in campo solo oggi? Chi sono i finanziatori occulti? Quali speculazioni si nascondono su Brera e sull'area dell'ex caserma?".

Video | moondreamsgb by You Tube

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: