Movida a Milano: da oggi al via le nuove regole ed è polemica con i gestori dei locali


Una nuova bomba ad orologeria sta scoppiando nelle mani della nuova amministrazione: la questione movida selvaggia. Tre i punti nevralgici: Colonne e via Vetere, Corse Sempione e Navigli. Dopo il clamoroso rave illegale dello scorso sabato alle Colonne è partita subito la sperimentazione delle nuove regole di Porta Ticinese, Arco della Pace e Colonne di S. Lorenzo.

Fino al 30 settembre si stabilisce la chiusura dei locali anticipata dalle 2 all’ 1.30 per le Colonne di San Lorenzo e l’anticipo alle 2 dei lavori di pulizia da parte dell’Amsa tra Colonne di San Lorenzo, via Vetere e Sant’Eustorgio. I titolari dei locali dell’Arco della Pace, invece, dovranno provvedere alla pulizia dell’area esterna entro le 2.30; si introduce, come già alle Colonne, il divieto di utilizzare bicchieri, bottiglie di vetro e contenitori di latta all’esterno dei locali (fatta eccezioni per i clienti seduti ai tavoli) dalle 21 fino alla chiusura.

Ci saranno maggiori controlli, soprattutto alle Colonne di San Lorenzo, da parte dei vigili e maggiore contrasto agli abusivi (venditori di bibite, suonatori di tamburi, ecc.). L'Amministrazione è consapevole di non essere di fronte alla soluzione definitiva, "ma va nella giusta direzione anche per quanto riguarda la salvaguardia del patrimonio artistico delle Colonne di San Lorenzo". In molti però storcono il naso di fronte ai provvedimenti.

Foto by Flickr

La sperimentazione non piace ai gestori degli esercizi commerciali, tanto che su Facebook è comparsa la pagina "Io non ho votato Pisapia perchè anticipasse la chiusura dei locali". Sulla bacheca Tommaso Lavizzari, gestore del Sgt Pepper di via Vetere, si fa portabandiera di un malessere diffuso:

Sono anni che si fa opera di sensibilizzazione e sperimentazioni sempre contro i commercianti, mai una volta che ci sia qualcuno che faccia sperimentazioni contro chi crea problemi. Noi siamo lì a lavorare non a fare i baby sitter. Se levano mezz'ora di lavoro tolgono soldi diretti e tolgono valore alle licenze. Sono d'accordo sulla sperimentazione, tranne che per quanto riguarda la chiusura anticipata: cosa c'entrano i locali? E poi non e' corretto farlo solo per alcune zone, si crea una concorrenza sleale e difficolta' a vendere le licenze. Chi ha interesse nel rilevare una licenza che presenta limiti d'orario?

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: