Celebrità a Milano: da Einstein a Kareem Abdul Jabbar

karrem abdul jabbar a MilanoVoi pensate mai alle piccole e grandi celebrità che sono passate da Milano? E a quelle che vi siete trovate nel quartiere? Per me il crinale si può dividere così, tra le celebrità contemporanee di medio livello e quelle leggendarie. Quelle contemporanee sono quelle con cui magari per qualche istante dell'infanzia ti trovi a dividere la via.

Da bambino in Zona 9 ricordo che ci bastava poco per sognare: Paola Barale, che si diceva abitasse dalle parti di via Murat, Marco Balestri in via Reinach, mentre un'altra urban legend di quand'ero bambino raccontava di Max Pezzali degli 883 trasferitosi per amore pochi mesi in piazzale Nizza. E poi non mi ricordo quale dei fratelli Maldera - Aldo, Attilio e Luigi, tre fratelli calciatori del Milan tra gli anni settanta e ottanta - stesse in via Cufra, ma lì ero veramente piccolissimo.

Ma passiamo alle celebrità leggendarie. Le riassume oggi su Corriere Milano Carlo Baroni, in un pezzo molto simpatico in cui scopro che persino Albert Einstein ha abitato a Milano. Ma più che per Einstein, rimango basito da Kareem Abdul Jabbar. Già, la leggenda del basket

arriva il 6 agosto del 1967. Da un aereo della Twa sbarca un ragazzo lungo come le ali di quel jet. Si chiama Lew Alcindor, ma il mondo lo conoscerà più tardi con quello di Kareem Abdul Jabbar. Lo portano i dirigenti dell'altra squadra di basket di Milano, i rivali del Simmenthal, sponsorizzati da un supermercato: All'Onestà. Il cavalier Milanaccio lo presenta al Principe di Savoia. Il ragazzone non se la tira (...) Poi va in gita in Svizzera. Il 19 agosto torna in America. I giallorossi hanno messo gli occhi su Salvatore Pizzaferrato

Ah: e poi ci sono anche Ho Chi Minh e Charlize Theron. A voi quali altri vengono in mente, di vip sia di medio livello che leggendari passati da Milano?

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: