Il Quarto Stato di nuovo a palazzo Marino: parola di sindaco



In un incontro su temi generali della cultura il sindaco Giuliano Pisapia e l’assessore alla Cultura Stefano Boeri hanno espresso la volontà che il quadro, simbolo del movimento dei lavoratori, torni a Palazzo Marino.

Acquistato dal Comune di Milano nel 1920 tramite una sottoscrizione pubblica, confinato nei depositi del Castello dal regime fascista e, dopo la liberarazione, esposto nella sede del Comune di Milano dove ci restò per poi finire alla Galleria d’Arte Moderna e infine nel museo del Novecento.

È un segnale molto importante perché un’opera d’arte così significativa per la storia del nostro Paese deve essere esposta nella casa di tutti i milanesi, in una sala del Comune aperta ai cittadini e a chi visita la nostra città

Una scelta di "campo" molto significativa. Voi cosa ne pensate? Nel Museo del Novecento il quadro è volutamente valorizzato, il percorso espositivo inizia proprio con il quadro di Pellizza da Volpedo come opera simbolo del secolo nascente. Al suo posto, eventualmente, cosa mettereste?

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: