Quanti immigrati ci sono a Milano? Ecco i numeri sull'immigrazione

Ecco i numeri sull'immigrazione a Milano, per fare un po' di chiarezza in un'epoca di allarmismi.

numeri immigrazione milano quanti sono

Ma quanti sono gli immigrati a Milano? Tanti, in buona parte regolari e perfettamente integrati, così come sono tantissimi i bambini figli di immigrati - o immigrati a loro volta - che frequentano le nostre scuole vivendo un processo d'integrazione che ancora oggi si scontra con una certa diffidenza e astiosità. A Milano ci sono, secondo gli ultimi dati disponibili, 253.067 residenti stranieri su una popolazione che supera 1.300mila abitanti. Significa che in città c'è, più o meno, uno straniero ogni cinque abitanti.

I più numerosi sono i filippini (41.131), seguiti dagli egiziani (35.507) e dai cinesi (25.868). A livello di curiosità, si può anche segnalare che due cittadini provengono dal Laos e due dal Principato di Monaco, mentre per il Kuwait, il principato del Bhutan e le Barbados l'Anagrafe di Milano conta un residente ciascuno.

Leggiamo sul sito Dati Comune Milano: "Rispetto alla fine degli anni '70, il numero dei cittadini stranieri è aumentato di oltre 11 volte: erano 21 mila nel 1979 (su 1 milione e 600 mila abitanti). Il ritmo di crescita è stato irregolare e contraddistinto da impennate conseguenti alle guerre, ai periodi di crescita economica e alle sanatorie, prima fra tutte la legge Bossi-Fini che ha portato il numero di residenti stranieri regolari a crescere da un anno all’altro di circa un terzo (nel biennio 2003-2004 gli immigrati italiani e stranieri passano da 38 mila a 92 mila). Per esempio, tra il 1968 e il 1971 ogni anno arrivarono in città oltre 50 mila immigrati, la stessa cifra di oggi. Tuttavia, anche negli ultimi anni l’incremento si è mantenuto molto sostenuto su livelli analoghi a quelli medi registrati dalla fine degli anni 70 (+ 9% annuo). L’andamento storico per cittadinanze ha riservato un altalenarsi delle comunità più importanti che si è consolidato solamente dagli anni 2000.

Nel 1983 la comunità più grande era quella svizzera con 2.294 persone, oggi ce ne sono 816: una riduzione del 64%, è uno dei rari casi in cui una comunità è diminuita invece di aumentare. Le altre comunità, prima fra tutte quella filippina, dal 1983 sono cresciute esponenzialmente passando da meno di 300 residenti a ben 41mila. I filippini sono la comunità principale a Milano dal 1997, quando superarono il numero dei cittadini egiziani che, attualmente sono ancora la cittadinanza straniera con il maggior numero di uomini.

Oltre alle sanatorie, un altro evento straordinario ha portato a un rapido aumento della popolazione straniera: l’allargamento dell’Unione Europea ai Paesi dell’Est Europa. In particolare, il passaggio dei Paesi dell’Unione da 25 a 27 ha generato un afflusso record di immigrazioni dalla Romania (con ritmi di crescita che nel 2007-2008 hanno superato di 10 volte quelli della popolazione straniera in generale)".

  • shares
  • Mail