Campus Città Studi: Politecnico e Statale insieme per la rinascita del quartiere

politecnico campus statale riqualificazione milano

Politecnico e Statale hanno inaugurato un portale per raccogliere i progetti per la rinascita del quartiere Città Studi dove convivono le due università. Quattro i temi al centro della discussione: cittadini, energia, ambiente, accessibilità. «Attraverso il sito vogliamo aggiungere idee, segnalazioni e criticità nuove al nostro lavoro», ha detto il rettore del Politecnico Giovanni Azzone. Parte attiva nella rinascita del quartiere dovrebbe essere anche il Comune nella persona dell’assessore a lavoro e università Cristina Tajani.

Obbiettivo dell'iniziativa è la trasformazione di un quartiere nato 100 anni fa come grande progetto di integrazione tra città e università, ma abbandonato nel tempo. Per farlo, l'ateneo di piazza Leonardo Da Vinci (primo genitore del portale) ha deciso di raccogliere le proposte più innovative, unendo le eccellenze in campo energetico, ingegneristico e architettonico con una filosofia wiki. Come cambierà Città Studi? C'è tempo fino al 2015 per scoprirlo. Tuttavia, nelle intenzioni delle due università ci sono:

    trasformazione di piazza Leonardo (via tutte le auto)
    l'eliminazione degli attraversamenti pericolosi
    la riqualificazione del campo sportivo Giuriati
    l'efficienza energetica nella maggior parte degli edifici
    la pedonalizzazione dell'area intorno alla piazza
    la cancellazione dei parcheggi in via Celoria

Senza contare la conversione degli spazi - ancora tutta da definire - dei locali di veterinaria, la facoltà della Statale che dovrebbe trasferirsi a Lodi. Progetti ambiziosi che devono fare i conti però con molti ostacoli. Il primo economico. Visto che da Palazzo Marino difficilmente arriveranno soldi, Politecnico e Statale dovrebbero trovare da sole le risorse, cosa che in tempo di tagli è tutt'altro che semplice. E poi c'è la trasformazione di un quartiere da far accettare ai residenti. Prova di come non sia semplice affrontare certi argomenti è il vicino parcheggio "maledetto" di via Ampére: aperti i cantieri da 9 anni - tra proteste e battaglie giudiziarie - sono sempre lì.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: