Milano Gay Pride 2015: il percorso, il ritrovo e gli orari della parata

Orari, percorso e ritrovo: tutte le informazioni pratiche sulla parata del Milano Gay Pride 2015.

milano gay pride 2015 percorso ritrovo

La parata del Milano Gay Pride 2015, ovvero l'appuntamento clou di quella che è stata ribattezzata "Pride Week" dista solo un giorno, per cui è davvero il momento di fare un bel ripasso di quelle che sono le informazioni pratiche. Il minimo indispensabile da sapere per chi vuole partecipare a una festa che ha lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sull'importanza di avere diritti uguali per tutti, indipendentemente dall'orientamento sessuale.

Milano Gay Pride 2015: ritrovo e percorso

milano gay pride 2015 orari parata ritrovo percorso

Per seguire l'evento su Facebook potete fare riferimento a questa pagina, mentre su Twitter l'hashtag di riferimento sarà #MilanoPride.

Per sapere invece per che cosa si batte la comunità che promuove la Milano Pride, ecco il manifesto politico, che potete leggere integralmente qui.

Diritti ed eguaglianza sono termini che dovrebbero ben rappresentare la volontà di porre tutti allo stesso livello. Ma questi sono termini che da soli non dicono niente se sganciati dal principio e dalla volontà che ha sempre animato il Movimento LGBTQIA e il Pride: la conquista e la tutela della libertà e dell’autodeterminazione.

Libertà che esiste solo all’interno di una dimensione laica dello stato dove l’essere umano occupi una posizione centrale e dove nulla sia posto al di sopra di esso. Libertà che esiste solo quando comprenderemo che ogni riconoscimento è una conquista per tutta la società.

La nostra comunità torna a chiedere al parlamento di tradurre in legge le nostre richieste con la massima urgenza.

Per questo motivo il 27 giugno 2015 la comunità LGBTQIA milanese scenderà in piazza per rivendicare con fierezza il DIRITTO delle persone di autodeterminare il proprio percorso di vita, denunciando l’immobilismo politico-istituzionale e la crescita di fenomeni omotransfobici e razzisti mascherati da libertà di espressione e di pensiero.

Il Milano Pride 2015 chiede che il Parlamento:


    Riconosca con una legge il diritto al matrimonio e all’adozione alle persone LGBTQIA e la tutela della genitorialità omosessuale.

    Riconosca con una legge le convivenze tra coppie dello stesso sesso e di sesso diverso.

    Riconosca con una legge la protezione da qualsiasi atto discriminatorio, fisico o verbale contro persone omosessuali, transgender e le loro famiglie e ai loro famigliari.

    Riconosca il diritto al riconoscimento della propria identità di genere senza dover passare attraverso la sterilizzazione chirurgica imposta.

    Approvi il disegno di legge 405 “Norme in materia di modificazione dell’attribuzione di sesso”.

    Riconosca con una legge il diritto al lavoro, alla salute per le persone transgender e transessuali.

    Riprenda, senza tentennamenti e imposizioni clericali ed omofobe, il lavoro fatto nelle scuole con la Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

    Sostegno al diritto di asilo per persone LGBT provenienti da paesi dove l’omosessualità e la transessualità sono condannate e discriminate

  • shares
  • Mail