100 muri liberi per i writers di Milano: quali sono e dove sono

Il comune offre muri liberi per i writers che vogliono mettersi all'opera. Ma c'è qualche rischio di trovare scarabocchi.

migliori murales milano

Il proposito è nobile, anche se potrebbe esserci qualche conseguenza indesiderata: il Comune mette a disposizione 100 muri per i writers in diverse zone di Milano. Ma prima di tutto le informazioni pratiche, quindi per sapere quali sono e dove sono questi muri, a questo link trovate l'elenco completo. Ok, ma come funziona l'assegnazione? Stando a quello che si capisce, sarà sufficiente andare lì e iniziare a dipingere. Il che crea parecchi problemi.

Prima di tutto: come si fa a essere sicuri che stiano andando dei veri writer, intendo gente capace, e non ragazzini convinti di essere il nuovo Daim e invece semplicemente incapaci? In questo caso, più che riqualificare la città, non si farebbe altro che riempirla di obbrobri. Secondariamente, si sa che le crew di writers sono estremamente gelose dei loro muri, come la si mette con le rivalità e le liti che potrebbero nascerne? Forse un minimo di regolamentazione in più avrebbe fatto solo bene.

Al di là di questi limiti, che però non sono di poco conto, l'intento, come detto, è sicuramente nobile: "Da sempre distinguiamo street art da graffitismo vandalico. La Polizia locale, in collaborazione con la Procura della Repubblica, e con tutte le Forze dell'Ordine opera nel contrastare il fenomeno con un'Unità specializzata di 15 agenti e ufficiali. Nel 2014 sono stati fermati 95 writer. Il Comune si costituisce parte civile nei processi per imbrattamento. Molti dei vandali hanno accettato di risarcire la città con circa 3 mila ore di lavoro socialmente utile e 25 mila euro secondo percorsi di giustizia riparativa che l'Amministrazione promuove. Nei primi cinque mesi dell'anno i risarcimenti sono ammontati a 10 mila euro", spiega Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale.

Il problema, però, è che la street art non la fa chiunque si metta a dipingere su un muro. Ma solo quelli bravi.

  • shares
  • Mail