Sondaggi elezioni comunali Milano 2016: tutti i dati

Tutti i dati aggiornati sui sondaggi per le elezioni comunali di Milano 2016: si profila una sfida all'ultimo voto tra Sala e Parisi, che è in rimonta.

21 aprile - Gli ultimi sondaggi Ipsos sulle elezioni comunali di Milano confermano il solito trend: Parisi è in grande rimonta:

Primo turno:

- Giuseppe Sala: 38,8%
- Stefano Parisi: 37,1%
- Gianluca Corrado: 16,5%
- Basilio Rizzo: 3,5%

Ballottaggio:

- Giuseppe Sala: 52%
- Stefano Parisi: 48%

Sondaggi elezioni comunali Milano 2016: 11 aprile

11 aprile - Stefano Parisi continua ad avvicinarsi a Beppe Sala. Il candidato del centrodestra si troverebbe infatti in una forbice tra il 32 e il 35%; mentre il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala si troverebbe in una forbice tra il 35 e il 38%, mentre Stefano Parisi sarebbe tra il 32 e il 35%. La forbice maggiore dell'uno e quella minore dell'altro, quindi, si toccano; primo segnale che la rimonta potrebbe essere avvenuta. Il Movimento 5 Stelle, che ha trovato in Gianluca Corrado il candidato con cui sostituire Patrizia Bedori, sarebbe tra il 15 e il 18%. I giochi, di conseguenza, si terranno con tutta probabilità al ballottaggio.

31 marzo - Gli ultimi sondaggi di Termometro Politico confermano la crescita di Stefano Parisi ai danni di Giuseppe Sala, mostrando anche una crescita di Corrado Passera e del Movimento 5 Stelle.

sondaggio sindaco milano 2016 comunali

15 marzo - Secondo un sondaggio Index Research, al primo turno Giuseppe Sala si trova in vantaggio su Parisi di 7 punti (42 a 35). La situazione, però, si farà ancora più combattuta nell'inevitabile secondo turno, quando il margine di vantaggio del candidato del Pd potrebbe ridursi a soli 4 punti (52 contro 48%).

sondaggi milano 2016 sala parisi

8 marzo 2016 - Gli ultimi sondaggi di Termometro Politico confermano il vantaggio di Giuseppe Sala, ma anche la pericolosità di Stefano Parisi per il centrosinistra.

Giuseppe Sala: 41%
Stefano Parisi: 36,5%
Patrizia Bedori: 14%
Corrado Passera: 3,8%

29 febbraio - Primi sondaggi ufficiali sono quelli di Tecné per il Tgcom24, i primi a prendere anche in considerazione la candidatura di Curzio Maltese.


    Giuseppe Sala: 34/37%
    Stefano Parisi: 30/33%
    Patrizia Bedori: 14/17%
    Curzio Maltese: 9/12%
    Corrado Passera: 4/7%

26 febbraio - I primi sondaggi riservati e anonimi sulle elezioni a sindaco di Milano, come riportati su Gli Stati Generali da Paolo Natale, fanno pensare a una situazione che rischia di farsi molto pericolosa per Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala (csx): 35/40%
Stefano Parisi (cdx): 35/40%
Patrizia Bedori (M5S): 10%
Candidato di sinistra: 6/7%
Corrado Passera: 5%

Sondaggi primarie Milano 2016

3 febbraio - Il sondaggio sulle primarie di Milano elaborato da Lorien Consulting è di quelli da prendere con le pinze, perché il modo stesso in cui è stato costruito fa venire il sospetto che abbia l'esplicito intento di sostenere Francesca Balzani. Come si fa a dire questo? Per la semplice ragione che il sondaggio è diviso in due: prima il risultato del sondaggio normale, poi i dati che uscirebbero "se coloro che intendono seguire l'endorsement di Pisapia sostenessero effettivamente Balzani". Il che, probabilmente, significa che prima è stato chiesto "chi voterete" e poi "volete seguire l'indicazione di Pisapia?", dopodiché i dati sono stati rielaborati. Ecco cosa ne esce, ma si tratta di numeri da prendere con le pinze.

sondaggi primarie pd milano 2016

Sondaggi primarie Milano 2016: i dati Swg


25 gennaio

- L'ultimo sondaggio sulle primarie di Milano è stato elaborato da Swg, ma non porta grandi scostamenti rispetto ai precedenti. Interessante però notare come cambino (seppur di poco) i dati al crescere dell'affluenza prevista.

Affluenza elevata (60/80.000 votanti)

- Giuseppe Sala: 49/53%
- Pierfrancesco Majorino: 21/25%
- Francesca Balzani: 21/25%
- Antonio Iannetta: 2/4%

Affluenza bassa (50/60.000 votanti)

- Giuseppe Sala: 46/50%
- Pierfrancesco Majorino: 23/27%
- Francesca Balzani: 22/26%
- Antonio Iannetta: 2/4%

Sondaggi primarie Milano 2016: i dati Ipsos


24 gennaio

- Un nuovo sondaggio Ipsos conferma il vantaggio di Giuseppe Sala. Si tratta però di un sondaggio svolto con un campione di soli 319 elettori, davvero troppo poco per ritenerlo affidabile.


      Giuseppe Sala: 49%


 


      Francesca Balzani: 19%


 


      Pierfrancesco Majorino: 15%


 

    indeciso: 27%

Sondaggi primarie Milano 2016: i dati Ixè


22 gennaio

- I nuovi sondaggi sulle primarie di Milano mostrano un trend che si va consolidando: Giuseppe Sala ampiamente avanti, Balzani in crescita e, soprattutto, l'unica chance della sinistra del Pd di sconfiggere il candidato di Renzi, che passa dall'unione (o dal ritiro) di uno tra Balzani e Majorino (ma che la cosa succede, è ormai altamente improbabile).

sondaggi primarie milano sala majorino balzani

20 gennaio - Giuseppe Sala sempre avanti, anche nei sondaggi sulle Primarie Pd realizzati da Termometro Politico per Affari Italiani. Ma non si può non notare come i due candidati della sinistra, assieme, conquistino la maggioranza. L'unica strada per battere l'ex commissario Expo, sembrerebbe quella di unire le forze.


      Giuseppe Sala: 46%


 


      Francesca Balzani: 28%


 


      Pierfrancesco Majorino: 26%


 

    Antonio Iannetta: 2%

sondaggi primarie milano pd 2016 majorino sala balzani

4 gennaio 2016 - Ancora non si sa chi sarà il candidato del centrodestra, ragion per cui si prova a testare la forza dell'unico che fino a oggi si è detto disponibile: Alessandro Sallusti. Secondo Termometro Politico, Sallusti conquisterebbe il 40% al massimo. Un segno più di debolezza che di forza. Per quanto riguarda i partiti, ecco come stanno le cose in città.

sondaggi comunali milano 2016

14 dicembre 2015 - I sondaggi Ixè sulla Primarie Pd per decidere del candidato sindaco per le prossime elezioni comunali vedono nettamente in testa Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala: 60/64%

Francesca Balzani - 21/24%

Pierfrancesco Majorino - 14/17%

1 dicembre 2015 - Cominciano ad affiorare un po' di sondaggi sulle elezioni comunali di Milano, anche se il loro valore è ancora tutto da prendere con le pinze visto che prendono in considerazione solo personalità che ancora non si cono candidate ufficialmente. Stando ai numeri di Ipsos per il Corriere della Sera, comunque, Giuseppe Sala sarebbe in testa - in quanto a gradimento - su tutti gli altri possibili candidati, ecco i numeri:


      Giuseppe Sala: 14%


 


      Paolo Del Debbio: 12%


 


      Maurizio Lupi: 10%


 


      Corrado Passera: 7%


 

    Stefano Boeri: 5%

Come si vede, Corrado Passera è l'unica personalità ufficialmente nella rosa dei candidati sindaco. Cosa ci indica questo sondaggio? Poco, molto poco. Volendo, però, si può trarre la conclusione di quanto Sala possa essere un candidato forte per il centrosinistra.

27 novembre - Per quanto si tratti di sondaggi riservati, era inevitabile che i numeri portati da Alessandra Ghisleri a Berlusconi saltassero fuori. E non si tratta di buone notizie per il centrodestra, visto che Alessandro Sallusti, al ballottaggio, resterebbe indietro addirittura di venti punti contro un (possibile) candidato come Giuseppe Sala.

Vediamo i numeri nel dettaglio, partendo dal primo turno. Forza Italia arriverebbe al 14,8%, superata dalla Lega Nord al 22%. Aggiungendo il terzo partito della coalizione (Fratelli d'Italia) si arriverebbe attorno al 40%. Che non è un risultato cattivo, al primo turno. Il problema è che una volta al ballottaggio - dove conta più la persona dei partiti che lo appoggiano - Sallusti non salirebbe al di sopra del 40/41%. Superato quindi di oltre 20 punti se il candidato fosse Giuseppe Sala (gli altri possibili candidati del centrosinistra, da quel che si capisce, non sono stati testati).

25 novembre - Non ci sono ancora i dati ufficiali, ma pare proprio che i numeri che domani Alessandra Ghisleri, di Euromedia, porterà a Silvio Berlusconi non siano positivi: Alessandro Sallusti come candidato non convincerebbe e il centrodestra sarebbe addirittura dietro di otto punti rispetto al centrosinistra. A dire la verità, non sembra una cosa così sorprendente: un candidato come Sallusti può essere apprezzato da un nocciolo duro di elettori, ma non ha certo quel profilo di moderato in grado di unire il centrodestra milanese. L'incognita adesso è se Berlusconi e Salvini decideranno di andare avanti con questo nome o se ricomincerà una ricerca che, davvero, sembra non avere mai fine.

  • shares
  • Mail