Metro 4 Milano: al via i cantieri in centro, ecco dove saranno

Si parte a novembre, e per (almeno) cinque anni ci sarà da portare pazienza.

m4 milano cantieri

I milanesi, stando ai sondaggi circolati qualche tempo fa, sono tendenzialmente contenti del fatto che la metro 4 stia per diventare una realtà, ma forse potrebbero cambiare idea dal momento che i cantieri, che partiranno a novembre, porteranno caos e disagi per tutto il centro cittadino. Dopo lo stop deciso per non trasformare la città in un cantiere a cielo aperto durante i sei mesi di Expo, insomma, si comincia.

E così, ai lavori già in corso tra Solari e Lorenteggio e tra Argonne e piazza Tricolore, si aggiungeranno altri 12 o 13 cantieri, che serviranno a porre le basi di quelle che saranno le sei fermate più centrali della linea blu: San Babila, Sforza Policlinico, Santa Sofia, Vetra, De Amicis e Sant'Ambrogio.

Il centro città, insomma, sarà messo a soqquadro per almeno cinque anni (ritardi permettendo), il che significa che almeno fino al 2021 non ci sarà nessuna fermata operativa. Il punto più delicato, anche perché a due passi da piazza Duomo, è quello di San Babila: corso Europa rimarrà chiusa per cinque anni, costringendo con tutta probabilità a trasformare via Durini in strada a doppio senso. In via Borgogna, in più, ci saranno contemporaneamente i cantieri per il parcheggio sotterraneo, uno dei tanti lasciati in eredità dal piano di Albertini (anche se verrà portato a termine in dimensioni molto ridotte).

L'impatto sarà molto evidente anche lungo la cerchia dei bastioni, su cui probabilmente si riuscirà a conservare un solo senso di marcia e lungo la quale si potrebbe addirittura arrivare a interdire la circolazione alle auto. Al netto di informazioni precise che ancora si stanno attendendo, la cosa certa è che i residenti delle zone interessate dovranno veramente mettersi il cuore in pace, per tutti gli altri sarà invece il caso di lasciare a casa la macchina ogni volta che si avrà voglia di dirigersi verso il centro.

Per avere tutte le informazioni, il consiglio è di seguire il sito ufficiale dei lavori, che ha iniziato da poco a fornire tutte le notizie su cantieri e conseguenze dei lavori.

  • shares
  • +1
  • Mail