Primarie Pd Milano 2016: inizia il pressing su Majorino

Due candidati della sinistra sono troppi: in tanti stanno chiedendo a Majorino di ripensarci dopo la discesa in campo di Francesca Balzani.

Le elezioni comunali di Milano sono ormai entrate nel vivo. O meglio: è entrata nel vivo la campagna elettorale per le primarie Pd, con la quasi completa ufficialità della candidatura del vicesindaco Francesca Balzani e di Giuseppe Sala.

Due nomi pesanti, in grado di mettere in ombra gli altri candidati alle primarie Pd con l'eccezione, forse, di Pierfrancesco Majorino. E però, c'è un problema: per quanto in maniera diversa tra di loro, Balzani e Majorino rappresentano la sinistra del Pd, la chiara alternativa alla scelta governativa di Sala.

Certo, tra i due ci sono importanti differenze: Majorino è appoggiato da Sel e chiaramente anti-renziano (per quanto non schiacciato sulle posizioni della minoranza Pd); Balzani non vuole contrapporsi a Renzi e non gli risparmia elogi, ma la sua esperienza "arancione" parla per lei molto chiaramente. Il rischio, insomma, è che i due vadano a cannibalizzarsi i voti, regalando a Sala ampio margine e la possibilità di sottrarsi alla mischia.

Per questa ragione, si inizia a intravedere il pressing appena cominciato su Majorino affinché ritiri la sua candidatura per lasciare strada a Francesca Balzani (magari con la promessa di un ticket) e rendere così queste primarie una sfida a due, una dicotomia molto più chiara tra la scelta pro-Renzi e quella di continuità con la giunta Pisapia.

  • shares
  • +1
  • Mail