La storia e le origini della Madonnina di Milano

Le origini della Madonnina di Milano, che domina la città dall'alto del Duomo.

"O mia bela Madunina che te brillet de lontan, tuta d’ora e piscinina, ti te dominet Milan". Scusate per l'esordio scontatissimo, ma è davvero dovuto, nel momento in cui si prova a ripercorrere la storia della Madonnina di Milano e a capire quali sono le sue origini. Come da canzone, infatti, la Madonnina di Milano domina la città e brilla da lontano. Ok, ma da quando, com'è nata, ed è davvero "piscinina"?

Le prime testimonianze della volontà di collocare una statua della Vergine in cima al Duomo di Milano risalgono addirittura a 250 anni prima che il progetto venisse poi effettivamente realizzato. Niente di particolare, visti i tempi biblici che hanno sempre contraddistinto tutto ciò che ha a che fare con il Duomo di Milano. È infatti nel 1521 che in un disegno dell'architetto Cesare Cesariano si vede una statua collocata su una guglia centrale.

Non se ne fa nulla, però, fino al 1762: quando l'architetto della Veneranda Fabbrica Francesco Croce riceve l'incarico di disegnare la Guglia Maggiore. Tre anni dopo, nel 1765, lo stesso architetto propone di sistemare una statua della Vergine sulla Guglia.

Passano altri quattro anni, si arriva al 1769, e lo scultore Giuseppe Perego presenta le prime versioni della statua che ha in mente. I primi due disegni vengono bocciati - o perché troppo impegnative o perché non apprezzate - mentre la terza versione arriva a buon fine. La realizzazione viene quindi deliberata il 17 giugno 1769.

La statua è in rame su un modello di legno, la doratura viene invece fatta con l'utilizzo di 156 libretti ciascuno costituito da due fogli d'oro zecchino.

Particolare curioso è che la Madonnina viene piazzata sulla cima del Duomo un anno dopo la sua conclusione, per via dei timori che all'interno della Veneranda Fabbrica aleggiavano sulla sua tenuta in preda a fulmini e vento. Finalmente, il 30 ottobre 1774, viene sistemata, senza particolari cerimonie.

La Madonnina rimane lì, a dominare Milano, unica e intoccabile, per oltre un secolo e mezzo. Ma nel 1939, appena prima della Seconda Guerra Mondiale, si decide di coprirla con un panno grigio per evitare di diventare un bersaglio troppo facile per i bombardamenti che colpiscono Milano. Viene scoperta solo il 6 maggio 1945, e questa volta con una vera celebrazione ad opera dell'Arcivescovo Schuster.

Per quanto invece riguarda le dimensioni e i numeri della Madonnina:


    4,16 m: l’altezza della Madonnina
    33: le lastre di rame che rivestono la statua
    399,200 kg: il peso delle lastre
    584, 800 kg: il peso della struttura portante in acciaio inox
    6750: i fogli d’oro zecchino utilizzati nell’ultima doratura
  • shares
  • +1
  • Mail