Elezioni comunali Milano 2016: Maurizio Lupi candidato del centrodestra?

Il centrodestra incapace di individuare un candidato sta pensando di trovare la via d'uscita nell'ex ministro del Ncd.

ROME, ITALY - APRIL 29:  New Minister for Infrastructure Maurizio Lupi attends  the confidence vote at the Chamber of Deputies on April 29, 2013 in Rome, Italy. The new coalition government was formed through extensive cooperation agreements between the right and left coalitions after a two-month long post-election deadlock.  (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

Le elezioni comunali di Milano 2016 si avvicinano, nel centrosinistra è quasi tutto pronto per celebrare le primarie del Pd che, con tutta probabilità, incoroneranno Beppe Sala, mentre il centrodestra continua a essere alle prese con un blocco, che gli impedisce di riuscire a individuare un possibile candidato sindaco. E così, come previsto da molti, c'è un nome che torna a farsi sentire: quello di Maurizio Lupi.

Esponente del Ncd, ex ministro del governo Renzi, si è dimesso in seguito a uno scandalo che l'ha solo sfiorato facendo, oggettivamente, la figura del signore in tempi in cui sembra che i politici non si dimettano se non con una metaforica pistola puntata alla tempia. Milanese doc - nato a Baggio - da sempre esponente di quella Cl che ha un po' perso il suo potere in città e in regione, era da tempo immemore considerato il candidato naturale del centrodestra.

Poi, però, ci sono stati gli scandali di cui si è detto e, prima ancora, la rottura del Ncd col centrodestra, in seguito alla quale il partito di Angelino Alfano è diventato il partner di minoranza del governo Renzi. Ed è questo l'ostacolo più grande alla candidatura di Lupi. Come ha già più volte sottolineato uno che vede nero ogni volta che si parla di Ncd, ovvero Matteo Salvini, "non puoi governare con Renzi a Roma e con noi a Milano". In più, la Lega ha più e più volte escluso una possibile alleanza con il Nuovo Centrodestra.

Adesso, però, le cose potrebbero cambiare: la mancanza di un candidato forte del centrodestra non si può più nascondere come se niente fosse e sta cominciando a diventare imbarazzante, tanto più che tutti gli altri sono in corsa. In più, si fa notare come l'obiezione di Salvini abbia poco senso, visto che già oggi il Ncd governa a Roma con Renzi e in regione con il centrodestra. Così, ieri dal leader della Lega è arrivata quella che a molti è parsa una semi-apertura: "La questione Lupi per il momento non è sul tavolo". Che non sembrerebbe un'apertura se non fosse che nel passato le parole di Salvini era molto, molto più dire.

In tutto questo, si sa anche quale sarebbe la via d'uscita perfetta: Lupi molla il Ncd, torna a Forza Italia e per lui si schiudono le porte. Ma per il momento, a quanto pare, è lo stesso Lupi che non ne vuole sapere.

  • shares
  • +1
  • Mail