Area C: come funziona il nuovo Ecopass

nuovo ecopass area cE così è arrivato il nuovo Ecopass: che prima di tutto non si chiama più Ecopass, bensì Area C. Le indiscrezioni dei giorni scorsi hanno preso forma ieri: ora è tutto definitivo (dopo il salto trovate la scheda integrale del Comune) ma vediamo di fare comunque il punto.

La nuova congestion charge della giunta Pisapia partirà in via sperimentale il 16 gennaio 2012 per diciotto mesi, e la zona interessata è la stessa del vecchio Ecopass, i varchi restano i medesimi: quelli da cui si accede alla cerchia dei Bastioni (qui la nostra mappa). Il nuovo Area C sarà attivo dal lunedì al venerdì e dalle 7.30 alle 19.30.

Ma andiamo subito a uno dei punti chiave: chi non può più entrare nella cerchia? Nella scheda si legge "veicoli alimentati a benzina Pre Euro ed a gasolio Pre Euro, Euro I, Euro II ed Euro III". Questi ultimi sono tanti. Gli altri veicoli? Si fa prima a dire chi non paga, di chi paga. Esentate e "premiate" le vetture elettriche, in deroga - il che è un po' diverso - fino al 31 dicembre 2012 i veicoli Gpl, metano, bi- fuel e ibridi.

Esenzioni dal ticket d'ingresso anche per disabili, auto con targhe CC, corpi consolari, forze dell'ordine, Croce Rossa e altre non precisate categorie. Chi paga quindi? Tutti gli altri. Quanto si paga? Cinque euro, ma questo lo saprete perfettamente. Pomo della discordia nelle settimane scorse erano stati gli accessi ai residenti e le agevolazioni per i veicoli adibiti al trasporto di cose - artigiani, commercianti, trasportatori... - ora c'è qualcosa di sicuro anche su quei due fronti.

I residenti avranno quaranta ingressi omaggio annuali, i successivi li pagheranno scontati, due euro. E per i veicoli adibiti al trasporto di cose? Due le possibilità: o pagare l'ingresso intero a cinque euro, e godere di due ore di sosta gratuita sulle strisce blu, oppure pagare tre euro senza alcuna ulteriore agevolazione - ma questo "sconto" durerà solo i primi sei mesi del provvedimento e sarà quindi da ridiscutere prima di giugno 2012. Deroga importante per chi entra in città con furgoni per lavoro: i diesel euro 3 commerciali che dimostreranno di svolgere un servizio di pubblica utilità potranno circolare.

Detto questo vi rimando dopo il salto dove c'è la scheda integrale del provvedimento, che trovate spiegata anche sulla pagina Facebook di Giuliano Pisapia con un'impaginazione più amichevole.

    Si adotterà, in via sperimentale, per un periodo di 18 mesi e a partire dal 16 gennaio 2012, una nuova disciplina viabilistica che regolamenti l’accesso e la circolazione all’interno della ZTL “Cerchia dei Bastioni” provvedendo alla semplificazione dei vari provvedimenti viabilistici vigenti relativi alla ZTL (tariffazione, ZTL Merci, limiti di lunghezza), uniformandoli ad una unica disciplina oraria, conformemente ai seguenti indirizzi:
    - l’ambito territoriale interessato dalla nuova disciplina corrisponderà all’attuale ZTL “Cerchia dei Bastioni”;
    - durante la fase sperimentale sarà mantenuta la fascia oraria di validità oggi definita per Ecopass, dalle ore 07.30 alle ore 19.30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì;
    La regolamentazione degli accessi in ZTL dovrà basarsi su due componenti:
    • la prima è fondata su prerequisiti ambientali funzionali a definire i veicoli a maggiore impatto ambientale ai quali precludere completamente l’accesso nei giorni e nelle ore di applicazione del provvedimento (veicoli alimentati a benzina Pre Euro ed a gasolio Pre Euro, Euro I, Euro II ed Euro III);
    vi è poi un gruppo costituito dai veicoli da “premiare” perché strettamente ecologici riconoscendo loro l’esenzione dall’applicazione della tariffa d’accesso (veicoli elettrici);
    • la seconda componente prevede poi l’applicazione a tutti gli altri veicoli, diversi da quelli di cui al punto precedente e con l’eccezione dei veicoli adibiti al trasporto cose, di una tariffa di accesso generalizzata, pari a € 5,00, finalizzata a decongestionare il traffico riducendo numericamente la quantità di veicoli all’interno dell’area, favorendo così interventi di riqualificazione delle aree pubbliche e di protezione e sviluppo delle reti e dei servizi di mobilità sostenibile;
    Oltre a prevedere una deroga fino al 31 dicembre 2012 per Gpl, metano, bi- fuel e ibride ed esenzioni a favore di categorie previste per legge (disabili e auto con targhe CC, corpi consolari, Ps, Croce rossa, etc...), saranno previste forme di agevolazione a favore di residenti, ed assimilabili, all’interno della ZTL “Cerchia dei Bastioni” che dovranno rispondere ad un criterio che mira a
    1
    premiare l’utilizzo sporadico del veicolo. Si valuta opportuno proporre la gratuità di 40 ingressi superati i quali ogni successivo ingresso sarà sottoposto a pagamento di tariffa agevolata pari ad € 2,00;
    Misure specifiche a favore del traffico di veicoli adibiti a trasporto cose:
    a) una tariffa di € 5,00 che comprenderà la sosta gratuita per le prime 2 ore presso gli stalli dedicati alla sosta regolamentata interni alla ZTL “Cerchia dei Bastioni”;
    b) una tariffa di € 3,00, senza facilitazioni sulla sosta, limitata ai primi 6 mesi del provvedimento
    - deroghe per 12 mesi al divieto di circolazione a favore dei veicoli destinati al trasporto cose, alimentati a gasolio Euro 3, rispondenti a specifici requisiti legati all’espletamento di servizi di pubblica utilità e di servizi a favore delle residenze e dei bus turistici alimentati a gasolio Euro 3;
    Saranno adottate tutte le misure necessarie alla massima semplificazione per l’utenza sia in relazione alle modalità di pagamento della tariffa sia per le procedure di identificazione e certificazione dei soggetti beneficiari di specifiche disposizioni;
    Le risorse derivanti dal provvedimento saranno destinate all’attuazione degli interventi di riqualificazione, di protezione e sviluppo delle reti del trasporto pubblico e dei servizi di “mobilità dolce” (pedonalità, ciclabilità, traffico a velocità moderata), per il superamento delle barriere architettoniche ed a favore della mobilità delle persone con disabilità, allo sviluppo di un sistema di razionalizzazione della distribuzione delle merci e, più in generale, all’attuazione delle politiche di riduzione dell’inquinamento atmosferico e di sviluppo della mobilità sostenibile;
    Saranno avviate in tempi brevi azioni specifiche a supporto di una riorganizzazione e miglior gestione del traffico commerciale urbano attraverso due linee di intervento ritenute prioritarie:
    - estensione dell’offerta di stalli riservati al carico scarico delle merci contestuale all’avvio del nuovo provvedimento e sperimentazione di un sistema di gestione in funzione di un piano complessivo con l’obiettivo di:
    2
    a. aumentare l’efficienza del servizio per gli operatori diminuendo i tempi di attesa per la ricerca di sosta disponibile e riducendo le distanze fra mezzo e punto di destinazione del carico;
    b. reprimere in modo sistematico, attraverso l’intensificazione dei controlli e delle sanzioni, i comportamenti di sosta in doppia fila, responsabili di una drastica diminuzione della capacità della rete stradale e di costi rilevanti per l’insieme del sistema dei trasporti;
    - promozione di un sistema, progettato e sviluppato con gli operatori del settore, di gestione della logistica urbana delle merci, finalizzato al consolidamento dei carichi e all’organizzazione della distribuzione. Gli obiettivi da perseguire sono indicati fin d’ora in:
    a. aumentare l’efficienza e la competitività del sistema inducendo un maggiore consolidamento dei carichi;
    b. ridurre le percorrenze complessive in ambito urbano dei veicoli destinati alla distribuzione delle merci;
    c. estendere le limitazioni alla circolazione di veicoli pesanti sulla rete stradale urbana e/o limitarla a fasce orarie predefinite che non impattino con i picchi del traffico veicolare complessivo;
    d. diffondere l’utilizzo di mezzi ecologici per la distribuzione delle merci nell’ultimo miglio.

  • shares
  • Mail
48 commenti Aggiorna
Ordina: