Morti sulle strade, a Milano la percentuale più bassa d'Italia



Diminuiscono gli incidenti, morti e feriti sulle strade italiane e a Milano. E' dura parlare di certe cose in questi giorni, ma se è vero che fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce, vogliamo darvi notizia anche di quel poco di buono che ogni tanto si fa.

Secondo un recente Rapporto Aci-Istat nel 2010 si è registrato un calo, rispetto all'anno precedente, di incidenti in tutto il Paese (211.404; -1,9%), morti (4.090; -3,5%) e feriti (302.735; -1,5%), secondo i dati verbalizzati dalle Forze dell'Ordine. Questi i numeri assoluti a Milano: in città e provincia nel 2010 ci sono stati 18.266 incidenti (12.085 in città) con 141 morti (58 in città) e 24.813 feriti (16.294 in città). Milano, insieme a Bari, fa registrare il tasso di mortalità più basso del paese (0,5%).

Il rapporto, poi, ha evidenziato altre statistiche sull'incidentalità. Luglio si conferma il mese peggiore, sabato il giorno con più morti, le 18 l'ora più critica. Di notte si verificano meno incidenti ma più pericolosi e i week-end restano a forte rischio. Gli under 25 sono i più colpiti. Il maggior numero di incidenti, morti e feriti si verifica sulle strade urbane, ma quelli più gravi avvengono sulle extraurbane. Più sicure le autostrade, anche se qui è in crescita il numero dei morti.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: