Ma che fine farà il Cinema Manzoni?


Da quasi un mese è calato il sipario - forse per l'ultima volta - sul Cinema Manzoni con la fine della mostra Parasimpatico, della videoartista svizzera Pipilotti Rist. Piange il cuore a chiamarlo ex cinema: ma merito della Fondazione Nicola Trussardi se a Milano abbiamo potuto rimettere piede in una vera gloria artistica e culturale della città, ormai consegnata all'oblio e forse allo smantellamento.

Il cinema Manzoni infatti ha chiuso i battenti tempo fa, nel 2006, a causa della crisi che ha colpito le grandi sale cinematografiche: specie quelle del centro che non sono riuscite o non hanno potuto - come nel caso del Manzoni, per via dei vincoli delle belle arti - trasformarsi in multisala. La mostra è stata quindi un'occasione unica per rivedere dall'interno un piccolo gioiello architettonico, che risale alla metà del Novecento e che potrebbe essere trasformato in un centro commerciale.

La sala, costruita nel 1947 su progetto dell'architetto Mario Cavallè, insieme a un omonimo teatro sotterraneo tuttora in funzione e una serie di attività commerciali: una struttura a forma di violino da 1400 posti, a 7 metri sopra il manto stradale, con una hall concepita come una piazza coperta. Nell'atrio da 800 metri quadri sculture di Francesco Messina, Franco Oliva, Leone Lodi, Pericle Fazzini e Ferruccio Gasperetti, mentre la sola platea è lunga 40 metri e larga 28.

Per 50 anni il Manzoni è stato la sala più lussuosa del cinema milanese, con spettacoli di balletto e prime cinematografiche, fra cui capolavori di Antonioni come Cronaca di un amore (1950) e La signora senza camelie (1952). Nel 1955 è il primo cinema in Italia – dopo New York e Londra – a proiettare in Cinerama, il sistema con tre macchine che creano in contemporanea un'immagine panoramica.

Adesso il cinema rischia di sparire di nuovo, dopo l'effimera rinascita grazie alla Fondazione Trussardi; anzi, sembra che ci sia un progetto di ristrutturazione per creare un enorme spazio commerciale e lasciare un piccolo cinema, a memoria delle glorie passate. Niente più ottoni, niente più prime, niente più glamour.

Contro questa prospettive e per un recupero del Manzoni in qualità di "bene comune" è nata un'iniziativa promossa da un gruppo di appassionati di cinema (Mietta Albertini, Franco Bocca Gelsi, Giacomo Gatti, Cinzia Masòtina, Luisa e Morando Morandini, Mario Nuzzo, Eva Schwarzwald) per un incontro pubblico sul futuro di questa struttura.

L'obiettivo è proporre

una giornata di “utilizzo culturale” della sala, un momento di forte richiamo che faccia riscoprire il luogo, chiuso da diversi anni, “abitandolo” con rappresentazioni ed interventi.

Appuntamento il 19 gennaio 2012 alle ore 21:00 alla Casa della Cultura (via Borgogna 3, MM San Babila).

Foto | Fondazione Nicola Trussardi

  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: