Rodolfo Saviola, l'orologiaio milanese che scrive a Monti

Scritto da: -

Nel piccolo della sua stanza, piena di orologi che ticchettano, ha impugnato carta e penna (o più prosaicamente il suo portatile) e si è messo a scrivere: una lettera semplice ed educata, ma allo stesso tempo dura. Destinatario, lui, l’uomo della provvidenza, mister Mario Monti. “Se salva l’Italia”, avrà pensato, “potrà salvare anche me e i miei colleghi”. Rodolfo Saviola è l’uomo che si è fatto portavoce del grido di dolore degli orologiai artigiani, i riparatori di meccanismi per lancette che lavorano in piccoli laboratori indipendenti. Da anni combatte la sua battaglia contro le grandi aziende (qui lo vedete in un video del 2010) e adesso ha lanciato un nuovo appello, stavolta direttamente al primo ministro Monti.

Quello che Rodolfo denuncia da tempo è che “le aziende italiane proprietarie dei grandi marchi di orologi si rifiutano di fornire le parti di ricambio necessarie agli orologiai per eseguire il proprio lavoro, accentrando in questo modo il lavoro di riparazione presso le aziende stesse, praticando prezzi più alti poiché effettuati in un mercato privo di qualunque concorrenza e danneggiando così gli utenti finali”. Come Davide contro Golia, anche lui combatte un gigante molto più grande, per salvare il suo lavoro e la tradizione di un mestiere che rischia di scomparire. A noi Rodolfo sta molto simpatico e siamo solidali con la sua campagna. Per questo vi riportiamo parte della sua lettera e vi segnaliamo il suo blog:

Ecco una parte della lettera:

    sono Rodolfo Saviola orologiaio riparatore di 55 anni e mi ergo a rappresentante dell’intera categoria. Da molti anni svolgo con estrema passione il mio lavoro, lavoro che ultimamente non mi è più permesso di svolgere per una questione di ricambi non più forniti dalle case madri.
    Non le sono fischiate spesso le orecchie? Sapesse quante volte l’abbiamo nominata! Siamo della stessa condizione degli autoriparatori (categoria da Lei “graziata”).
    Ora che Lei è il nostro Presidente del Consiglio sono consapevole che non sia questo il momento più indicato per chiederLe attenzione.
    Ma a nome dell’intera categoria degli orologiai riparatori, artigiani che contribuiscono con il proprio lavoro e le proprie piccole imprese a mantenere il tessuto economico italiano, CHIEDO il Suo intervento in modo da potere continuare a lavorare nel rispetto delle leggi italiane. Pagare così le tasse e partecipare a risanare l’economia italiana.

    La ringrazio per il tempo che mi ha dedicato e colgo l’occasione per formulare a Lei ed alla Sua famiglia i migliori auguri di buone e serene feste natalizie!

    Rimango in attesa di un Suo cortese riscontro.

    Rodolfo Saviola

Vota l'articolo:
3.93 su 5.00 basato su 14 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Rodolfo Saviola, l'orologiaio milanese che scrive a Monti

    Posted by: frankx

    Una delle tante vergogne di questo ridicolo paese: tutto il mio fraterno appoggio ad un artigiano capace ed onesto. Servira' a poco…ma cosi si perdono risorse. Scritto il Date —