Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag biciclette

Alla Stazione delle Biciclette i campionati europei di Ciclomeccanica sabato e domenica

pubblicato da Trab

Si fa un gran parlare di biciclette. Ovunque ci sono eventi (il Bicycle Film Festival) e manifestazioni che celebrano questo mezzo di trasporto tradizionale e futuribile. Ben vengano per convincere qualche automobilista a convertirsi alla due ruote.

Tra i numerosi appuntamenti doveroso segnalare il “campionato di cicloriparazione” organizzato dai ragazzi della Stazione delle Biciclette di San Donato, sul piazzale della metropolitana. Un evento che unisce manici delle riparazioni, donatori generosi e bisognosi di biciclette che cercano una bici a buon prezzo.

IL Campionato si disputa sabato. Ci si divide in squadre e si costruiscono biciclette partendo da rottami. Avviene dalle 14.30 alle 17.30 (con pre iscrizioni dalle 11) . Domenica, invece, dalle 15 alle 17, le biciclette realizzate durante la gara (e altre generosamente donate, che possono essere portate in loco) verranno battute all’asta, per una buona causa. I ricavati per quest’anno verranno devoluti all’associazione Apopo ed alla neo ciclofficina popolare di Buyenos Aires (Argentina).

....
condividi 1 Commenti

Lo strano tandem della Ciclofficina

pubblicato da Trab

I ragazzi della Ciclofficina ex Stecca meritano menzione d’onore per la creazione di un ciclo alquanto inusuale ma efficace, nella spinta propulsiva doppia, e nella capacità di guardare dall’alto il traffico metropolitano, ma senza essere minimamente altezzosi. Potete ammirare la creazione il giovedì alla Critical mass e magari chiedere di farci un giro.

Già che ci siamo ricordiamo che l’accesso alla Cicolofficina è libero. Al Vicolo de Castillia, zona Isola, mercoledì dalle 16 alle 19.30 e sabato dalle 10 alle 19.30, potete riparte la vostra bicicletta, cambiare qualche pezzo di ricambio utilizzando gli spazi e gli attrezzi, previa quota associativa di 5 euro annuale.

Continua a leggere: Lo strano tandem della Ciclofficina

....
condividi 3 Commenti

Motocivismo e Comune insieme per un documento sulle trappole per i motociclisti milanesi

pubblicato da Trab



Le due ruote sono la salvezza della mobilità? Sono in moltissimi a sostenerlo, oltre i nostri cugini di Motoblog. L’ultima voce si è levata dal vicesindaco De Corato schieratosi apertamente a favore di moto e biciclette: “chi si muove in città su due ruote va agevolato, perchè ogni moto in più corrisponde un’auto in meno”.

Il recente incontro dell’Assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture del Comune con l’associazione Motocivismo va verso una direzione di condivisione di responsabilità e suggerimenti reciproci. Nell’ultimo incontro l’associazione si è impegnata a produrre un documento dove segnalare le situazioni più pericolose per la mobilità su 2 ruote.

L’idea di Simini era quella di condividere il programma dei lavori con chi vive le strade tutti i giorni, in modo tale da poter incrociare le rilevazioni tecniche degli uffici comunali con le segnalazioni dei cittadini, e avere così un piano di interventi che soddisfi il più possibile i bisogni della città.

La palla passa a voi motociclisti milanesi. Per le vostre segnalazioni vi invitiamo a partecipare alla discussione sull’apposito forum. Tutti noi abbiamo in mente almeno un maledetto tratto di pavé sconnesso o binari morti che andrebbero rimossi.

Foto by Flickr

Bicycle Film Festival fa tappa a Milano dal 8 al 10 ottobre

pubblicato da carloprevosti

Un weekend su due ruote, sia per strada sia al cinema, quello tra l’8 e il 10 di ottobre. E’ in arrivo l’edizione 2009 del Bicycle Film Festival, quando la bicicletta diventa protagonista sul grande schermo e diventa anche un oggetto di moda.

Sarà un caso ma la diffusione delle “Scatto Fisso” (o fixed bike) è scoppiata con le prime edizioni milanesi del Festival. Una moda che piace e che fa bene, sia alla forma fisica di chi pedala sia al traffico che vede qualche macchina in meno per le strade. Tre giorni di festa, non solo nelle sale cinematografiche, il programma prevede anche una pacifica invasione con le Alleycat Race, gare aperte dove si sa dove si parte e si viene a sapere solo durante la corsa dove si deve arrivare, partite di Bike Polo (diventate una consuetudine del martedì sera in Piazza San Fedele, vedi il video dopo il continua), party in bici e show di Flatland in Bmx (se non sapete cosa sia, guardate qui!). Insomma un weekend da non perdere, film compresi (al Cinema Mexico, in via Savona).

Il programma del BBF 09 è on line.

Continua a leggere: Bicycle Film Festival fa tappa a Milano dal 8 al 10 ottobre

....
condividi 2 Commenti

Acquisti di bici in città: è boom. 4000 bici acquistate in due giorni

pubblicato da Trab

biciclette boom milano

E’ inequivocabile il fatto che le biciclette non siano più la cenerentola della mobilità. Mai se ne è parlato così tanto. Le due ruote possono salvarci e finalmente questo assunto assume i contorni di una certezza. Noi, cittadini, ce ne siamo accorti da tempo, la politica sta cominciando ora, ma la strada è ancora lunga e tortuosa.

Leggevo ieri che Milano è la città dove sono state acquistate più bici, grazie al contributo statale che permette di risparmiare fino al 30% sull’acquisto di una nuova. E’ un segnale forte, inequivocabile, che in città la voglia di biciclette è fortissi­ma. Il governo ha messo a disposizione 7,7 milioni di euro. I dati parziali indicano che la nostra città è quella dove sono state comprate più biciclette, tra le 3 e le 4 mila. Questo da sabato. La cosa incredibile e che i 7 milioni e sette­cento mila euro per tutta Italia sarebbero già agli sgoccioli.

Benissimo così. Il problema però rimane quello di incentivare all’uso quotidiano queste bici, che spesso rimangono chiuse in cortile o in cantina. Quindi bene le nuove piste ciclabili promesse dalla Moratti, che però, verrebbero realizzate “senza to­gliere spazi ai posti auto dei residenti e senza intralciare troppo il traffico”. Come al solito un colpo al cerchio e uno alla botte.

Foto by Kl-Ga, Flickr

....
condividi 5 Commenti

Alla Stazione delle Biciclette i campionati europei di Ciclomeccanica

pubblicato da Trab



Per i donatori generosi, i bisognosi di biciclette, e gli sporchi affaristi che cercano una bici a poco prezzo. Per voi tutti, una due giorni da non perdere. Sabato dalle 15 alle 18, Gara di Ciclomeccanica alla Stazione delle Biciclette. Ovvero, ci si divide in squadre e si costruiscono biciclette partendo da rottami. Domenica, dalle 17, le biciclette realizzate durante la gara (e altre generosamente donate, che possono essere portate in loco anche prima dell’asta) verranno battute all’asta, per una buona causa.

Molti gli ambiti premi in gioco quest’anno: 1) premio “sheldon brown” per la miglior squadra ciclomeccanica. 2) premio “spirito del gioco” per la miglior performance sulla piazza. 3) premio “tocco d’artista” per la miglior interpretazione artistica della bicicletta. 4) premio “rocco” per la meccanica visionaria. 5) ultimo premio o maglia nera.

I ricavati dell’asta per quest’anno verranno devoluti al progetto di sviluppo The Bicycle Empowerment Network in Namibia che utilizza le biciclette per portare assistenza medica nei villaggi e costruisce delle CicloAmbulanze, carrelli trainati da biciclette per trasportare le persone bisognose di cure mediche. Il tutto alla stazione delle biciclette, piazza 9 novembre 1989, 1 a San donato milanese, ovvero appena fuori dalla fermata m3 di San Donato.

....
condividi 1 Commenti

iBikeMi: l’iPhone per il bike sharing di Milano

pubblicato da Trab



Ne avevamo parlato a luglio e finalmente eccola l’applicazione che renderà più facile spostarsi con il Bike Sharing. Si chiama iBikeMi, l’applicazione per iPhone sviluppata in collaborazione con il servizio di bike sharing del comune di Milano. Grazie all’applicazione sarà possibile rintracciare con facilità le stazioni più vicine alla propria postazione, memorizzarle, impostare il raggio di ricerca e il filtro dei risultati. Costa 0,79 €. Su IPhone Italia trovate tutte le schermate dell’applicazione.

....
condividi 5 Commenti

Tunnel di Porta Nuova, spunta il divieto per velocipedi

pubblicato da carloprevosti

Tunnel Via del Nord

Sono passati meno di due mesi dall’apertura del tunnel Porta di Nuova, che collega l’area della Stazione di Porta Garibaldi con in grande incrocio tra Via Melchiorre Gioia e Viale della Liberazione e solo da pochi giorni il traffico milanese è ritornato quello di sempre. Come era già stato segnalato nei post che abbiamo dedicato a questa nuova opera, qualcuno deve effettivamente essersi reso conto della pericolosità che questi 300 metri “sotterranei” costituiscono per il traffico non a motore, pedoni e ciclisti (in particolare).

Sebbene il progetto prevede percorsi ciclopedonali in superficie (in una vasta area verde, oltretutto), nessuno ha pensato che questi saranno disponibili sono a lavori finiti, ovvero tra mesi (se non anni, ma cerchiamo di essere ottimisti). Per ovviare a questo problema, la soluzione presa è la più semplice e immediata; il divieto di passaggio per velocipedi (come si legge sul cartellone luminoso a entrambe gli accessi). Analogo divieto di passaggio anche per i pedoni sul lato della destro della strada, provenendo da Porta Garibaldi. Decisione scontata in una città che si fregia del successo del servizio BikeMi ma che sembra fare di tutto per non incentivare la gente a lasciare a casa la macchina.

Il ciclista che da Porta Garibaldi deve andare verso la Stazione Centrale dovrà quindi armarsi di pazienza, cartina o navigatore satellitare e ideare un percorso a ostacoli tra i vari cantieri. Anche perché ci sono i punti della patente in gioco ora (anche se qualcuno sembra fare finta di nulla).

Tunnel Via del Nord
Tunnel Via del NordTunnel Via del NordTunnel Via del NordTunnel Via del Nord

Draghi verdi - La mappa virtuale delle fontanelle a Milano

pubblicato da carloprevosti

Drago Verde
Quando a Milano si parla di Draghi Verdi non c’è alcun riferimento a ronde politiche o a gruppi di role-play-gamer cittadini, più semplicemente vengono coì chiamate le fontanelle di ghisa dipinte di verde che regalano acqua in moltissimi angoli della città senza sosta, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Comunemente si chiamano “vedovelle”, proprio perché “piangono sempre”, e sono un elemento caratterizzante della città. Forse uno degli ultimi servizi totalmente gratuiti che la città offre turisti e residenti. Spesso, fateci caso, potete trovare un Drago Verde alle bancarelle dei fiorisiti di strada, oppure nei pressi dei chioschi di bibite e panini che spuntano qua e là nelle zone più frequentate.

I Draghi Verdi sono gradite presenze per pedoni, turisti e soprattutto ciclisti (notevolmente aumentati anche grazie al bike sharing), un elemento che garantisce quel minimo di rinfresco necessario in particolare nella stagione calda. Purtroppo in rete c’è poco nulla sulla storia di questo elemento di decoro cittadino.

In compenso un buon servizio per il popolo delle due ruote è fornito dal sito di Critical Map, di cui avevamo già parlato tempo fa, che permette agli utenti di segnalare la presenza di questi “amici” direttamente su una mappa virtuale. In pratica maggiore è l’apporto degli utenti, più dettagliata e aggiornata sarà la mappa.

Continua a leggere: Draghi verdi - La mappa virtuale delle fontanelle a Milano

....
condividi 6 Commenti

Weekend fuori porta - Da Milano a Pavia in bicicletta

pubblicato da carloprevosti

Naviglio Pavese
Per la gita fuori porta di questa settimana abbandoniamo l’automobile in garage e inforchiamo la bicicletta per percorrere una delle piste ciclabili più belle e suggestive che ci farà scoprire dei dintorni di Milano sorprendentemente verdi e ricchi di natura rigogliosa. Percorreremo infatti la pista ciclabile che ci porterà fino a Pavia.

Si parte dalla Darsena, in pieno centro milanese e da cui si inizia a seguire il Naviglio Pavese che in pochi chilometri (condivisi con le automobili) conduce verso il Parco Sud. Superato l’incrocio con la Circonvallazione esterna è consigliabile pedalare sul lato destro del naviglio che in pochi minuti si trasforma in una pista (quasi) totalmente ciclabile e quindi priva di ogni tipo di insidia dovuta alla circolazione automobilistica. Dopo un paio di chilometri si incontra la prima chiusa (vedi foto) che segna l’inizio del tratto della pista extraurbano, che coincide con l’ingresso nei campi e nelle aree boscose.

La pedalata è sempre molto agile, si percorrono piste quasi completamente asfaltate (o brevi sterrati) che consentono il percorso a qualsiasi tipo di bicicletta. A Binasco la pista oltrepassa la Tangenziale, qui alti alberi offrono ombra e frescura dopo un tratto di campi assolati. Strada facendo potrete incontrare aironi bianchi e cinerini e tanti altri animali che vivono nei boschi e nelle zone umide come i fontanili.

Continua a leggere: Weekend fuori porta - Da Milano a Pavia in bicicletta

....
condividi 4 Commenti