Area C Milano: tutte le novità

Torna dalle vacanze anche l'Area C che nella seconda settimana di settembre sarà riattivata. Dal 10 al massimo dal 12 del mese, il giorno della riapertura delle scuole.

Prosegue la sperimentazione, per altri sei mesi. Il Comune ha stabilito le procedure e i tempi della "fase 2" del ticket dopo la bocciatura del Consiglio di Stato del 25 luglio scorso.

Pisapia convocherà il 4 settembre una giunta straordinaria per approvare la versione B del pedaggio nei Bastioni e licenziare l'aggiornamento del Piano generale del traffico urbano (Pgtu), lo strumento di legge che regola la congestion charge.

Partirà quindi la campagna d'informazione ai cittadini che durerà tutta la settimana successiva. Si prova a creare un percorso che risulti il più possibile facile. L'assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran conferma:

"Nei primi sei mesi Area C ha dato ottimi risultati, ingressi ridotti del 34 per cento, meno incidenti, mezzi pubblici più veloci. Guardiamo con rispetto all'ordinanza del Consiglio di Stato e stiamo trovando la modalità migliore per accoglierne i rilievi e, al tempo stesso, restituire al più presto Area C ai milanesi".

Le regole principali del provvedimento non saranno modificate:

- ticket da 5 euro;
- telecamere accese tra le 7.30 e le 19.30, dal lunedì al venerdì;
- accessi scontati per i residenti (2 euro per chi ha esaurito il bonus dei 40 ingressi liberi) e per i mezzi commerciali (3 euro);
- circolazione libera per moto e veicoli ecologici (elettrici, gpl, metano, ibridi).

Il Comune ha inoltre escluso condoni per le multe dubbie già spedite agli automobilisti, che andranno quindi pagate. Sospeso, invece, sino all'udienza del Tar in calendario di metà novembre, l'invio dei verbali che aspettavano di essere notificati prima dello stop giudiziario.

La nuova delibera di Area C avanza quindi senza sostituire il documento che autorizzava la versione originale del ticket (sospesa dal Consiglio di Stato). Vie parallele, che secondo la giunta, dovrebbero garantire un più rapido e snello passaggio in termini burocratici, oltre a difendere l'amministrazione dalle probabili contestazioni.

Il vecchio pedaggio rimane in questo limbo, ricattato dai ricorsi, e non sarà ritirato né abrogato. La nuova Area C sarà figlia ibrida un po' ritoccata. La delibera raccoglie i rilievi del Consiglio di Stato (durata, quadro normativo, interessi dei garage privati), ed incorpora l'accordo con le autorimesse del centro storico (tariffa mista di circa 13 euro per il ticket più quattro ore di parcheggio).

Ci sarà spazio anche per i "Giovedì di Milano aperta" alla cultura e allo shopping (con telecamere spente alle 18) e arriverà il divieto d'accesso ai varchi per i mezzi pesanti più lunghi di 7,5 metri.

Il ticket bis va dunque considerato come un provvedimento-ponte. La durata della sperimentazione sarà ridotta da 18 a 12 mesi per rispondere all'obiezione dei giudici, nella circolare ministeriale 3.816 del 1997:


"È ammessa l'adozione della tariffazione degli accessi per i Comuni che non hanno ancora adottato il Piano urbano del traffico, unicamente in via sperimentale e per un periodo non superiore ad un anno".

Chiaramente dai 12 mesi complessivi vanno scalati i 6 mesi (e oltre) già consumati tra il 16 gennaio e il 25 luglio. La nuova Area C sarà perciò in vigore, in forma provvisoria, fino alla metà di marzo.

E il semestre prossimo diverrò l'arma nella mani della maggioranza per la delibera in consiglio prima della scadenza. Nella primavera 2013, questa Area C diventerà così la bandiera delle politiche antitraffico del comune.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: