Milano e Hinterland su Flickr

Altalena
La città italiana con la più popolosa "cintura" suburbana è sicuramente Milano, se è vero che l'area Metropolitana raggiunge quasi gli 8 milioni di abitanti, anche le storie da raccontare, gli scorci da riprendere, le immagini da catturare saranno tante in questo tessuto post industriale che ci circonda.

Se volete farvi un giro virtuale in questo microcosmo, un gruppo di Flickr ha l'obiettivo di raccogliere il materiale sulle periferie e l'hinterland Milanese, MH&N. Ci presentano il gruppo i due fondatori e "proprietari" delle fotografie a corredo di questo pezzo, Latente e Könrad

G: Perché un altro gruppo su Milano cos'ha in più MH&N?
L: Fotograficamente MH&N nasce come spin-off di Milanouel!W con l'intento di raccogliere le immagini della periferia e del circondario di Milano che, da regolamento, non sono accettate in Milanouel!W .
Ad esempio immagini di Rozzano, Sesto, Cinisello, San Donato e tutta la città metropolitana che pur non essendo nel comune di Milano ne è parte per contiguità.

Per estensione non ci limitiamo a rappresentare nelle foto solo il paesaggio ma anche di quello stato d'animo di periferia che si ha nel non appartenere alla Milano bene o young o da bere che dir si voglia, ma senza invidia intendiamoci, ma con la consapevolezza che quel mondo patinato non è Milano.

G: Che genere di immagini si può aspettare un visitatore che viene sul vostro pool?
K: Il genere di immagini che si possono trovare nel pool è un insieme assolutamente eterogeneo, che coglie istanti di momenti vissuti nell'hinterland, che diventa scenario per una vita non più ai margini metropolitani, ma una vera e propria estensione della vita cittadina. Forse c'è più spazio per la creatività, più legame con ciò che circonda la macchina fotografica.

G: Spesso il simbolismo invade il pool, comunicare attraverso le immagini è il linguaggio del nuovo millennio?
K: L'importante è comunicare. MH&N è nato quasi per scherzo, senza alcuna pretesa, nè aspettativa, un luogo-non luogo dove convogliare tutto quello che in genere la metropoli fagocita. Il pool non si racconta esclusivamente tramite le foto, ma anche tramite un filone comune che è il non escludere a prescindere foto, interventi, commenti etc.

G: Hinterland, periferie, una "non moda". L'immagine (e l'arte in genere) per voi è messaggio pubblicitario o provocazione?
L: Noi vogliamo essenzialmente riderci sopra, nessuna provocazione o messaggio, solo una grossa risata per chi si prende troppo sul serio

G: Un gruppo davvero libero, non si rischia l'anarchia?
L: Un minimo di controllo lo teniamo, fino ad ora non abbiamo mai dovuto intervenire per cancellare una foto o sedare un flame...
il gruppo di per se è molto tranquillo, comunque preferiamo evitare di fare tutti admin perché un troll può sempre capitare e rovinare tutto come è successo al gruppo romano di Brigate Rozze.

G: Cemento, palazzoni, degrado, cosa c'è di bello in una periferia?
K: E' questo il punto. Cosa c'è di bello in una periferia? Volente o nolente ci vivi, ma non ti soffermi mai su cosa può in realtà offrire uno spazio ai margini, lontano dai riflettori. A volte è la gente, altre è il parchetto vicino casa. I luoghi dove sogni di stare altrove, e non accorgendoti, stai sognando, cosa che nella metropoli, in tanti hanno cessato di fare. Una cosa che mi viene in mente? Nel mio parchetto dietro casa, posso vedere le stelle tutte le sere di primavera e d'estate, difficile si possa fare altrettanto in centro.
Milano e Hinterland su Flickr
Altalena
Lumaca
Panettoni Pinguini di Pao
Prato Fungo

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: