Darty chiude la sede di Paderno Dugnano, 105 i tagli

La catena di elettrodomestici ed elettronica francese Darty, dopo otto anni di attività, ha deciso di uscire dal mercato italiano.

Questa decisione impatterà anche sul nostro territorio perchè la sede centrale di Paderno Dugnano chiude definitivamente e, entro febbraio 2013, i punti vendita Darty passeranno alla nuova proprietà - che prima era concorrente - DPS-Trony.

L'azienda ha fatto sapere che il personale che lavora nei negozi del circuito sarà assorbito dalla società DPS, ma ci sono 105 persone (commerciali, marketing, amministrazione, risorse umane, logistica e gestione dei servizi di post-vendita), appartenenti alla sede centrale, che non saranno confermate e che quindi perderanno il loro posto di lavoro. Si concretizzano così i timori che erano iniziati a circolare il mese scorso.

Al momento, ha confermato l'azienda, sono in corso trattative con le parti sociali

per una soluzione soddisfacente in grado di tutelare tutto il personale in mobilità

La città di Paderno negli anni è stata colpita da una profonda crisi per quanto riguarda l'occupazione. Ricordiamo ad esempio i casi Lares e Metalli Preziosi, nel biennio 2009-2010, con i presidi nelle aziende, le occupazioni e i casi dei lavoratori saliti sui tetti per protesta.

Per quanto riguarda il caso Lares recentissimamente ci sono stati ancora sviluppi, che fanno ben sperare per il futuro come possiamo leggere nel blog dei lavoratori: dopo 1200 giorni di presidio è stata infatti creata una cooperativa, Lares 2012, per aiutare gli ex dipendenti nella ricollocazione lavorativa.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: