Elezioni Regionali 2013: Formigoni sceglie Maroni e abbandona Albertini


Vi parlavamo proprio qualche giorno fa dell'ardua (in)decisione di Roberto Formigoni, che, in vista delle prossime Elezioni Regionali, ma anche delle prossime Elezioni Politiche, doveva scegliere da che parte stare.

Seguire come sempre i diktat del pidiellino Cavaliere, o scegliere di appoggiare gli amici di un tempo? E, perchè no, sognare uno scranno al Senato, nella Capitale?

Inizialmente, in base a quanto dichiarato dal Celeste su Twitter, la decisione sembrava presa, tra le accuse più o meno velate alla Lega - 'cinguettate' ben prima che il partito decidesse di siglare un patto proprio con il Pdl -.

Poi, sorpresa inaspettata.

Venne l'accordo e venne il dietrofront: da oggi Roberto Formigoni abbandonerà Albertini e sosterrà l'altro Roberto, quel Maroni che ha in testa la Lombardia, e l'Euroregione del Nord (che nascerà solo con la vittoria dell'asse Carroccio-Pdl).

Senza "retromarce", "ambiguità" o "balletti", ha assicurato il governatore lombardo uscente come leggiamo su Repubblica:

"Abbiamo suggerito al Pdl di conservare le alleanze tradizionali ma di candidare alla presidenza della Lombardia un moderato come Gabriele Albertini. Un progetto politico chiaro e forte sostenuto da ragioni che sono valide tutt'oggi perché continuiamo a sostenere che il Pdl non dovrebbe consegnare la Lombardia alla Lega Nord che già governa Veneto e Piemonte. La scelta più saggia sarebbe stata quella di mantenere l'alleanza con la Lega ma di assegnare la guida della regione a un uomo del Pdl"

Formigoni è ben deciso a impedire la vittoria del centrosinistra in Lombardia, come lui stesso ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa.

E, sulla sua possibile candidatura al Senato, ancora nessuna risposta. Siamo però sicuri che Formigoni ha ancora qualche asso nella manica da calare al momento giusto.

credit image by Getty Images

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: