Milano ricorda Gianni Versace alla Scala

Dieci anni fa, il 15 luglio 1997 a Miami, Gianni Versace veniva ucciso davanti alla porta di casa sua, in un delitto che ha lasciato una scia di misteri.

Milano, la sua città di adozione - Versace era nato e cresciuto a Reggio Calabria, ma poi qui aveva raggiunto l'apice della carriera e dell'arte - lo ha ricordato questa sera con un balletto speciale, curato da Maurice Béjart, “Grazie Gianni con amore”, un'opera in due atti.

Un’antologia dei più celebri costumi realizzati per i balletti nati dalla collaborazione tra Gianni Versace e il grande coreografo e nuove coreografie che vedono costumi di scena appositamente creati dalla sorella Donatella.

L'evento è stato organizzato dalla Casa di moda Gianni Versace, con la collaborazione del Comune. Stavolta, almeno, la Moratti ha avuto il buon gusto di non dissociarsi

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: